Resta in contatto

Approfondimenti

Obiettivo salvezza. Il Cagliari non si vuole fermare: 450’ più recupero per mantenere la categoria

Il successo sulla Roma è il terzo di fila. Agganciate Torino e Benevento ma Fiorentina e Spezia sono ad un passo

Al 90’ di Cagliari-Parma, undici giorni fa, i rossoblù con 22 punti e sotto 3-2, sono virtualmente retrocessi in B. Dal pareggio di Pereiro e dal successivo 4-3 col gol di Cerri, il campionato della squadra di Semplici è svoltato. Arrivano, con il rigore di Joào Pedro a Udine, altri tre punti doppiati da quelli ai danni della Roma domenica con il 3-2 alla Sardegna Arena. Tra sabato e ieri, hanno perso Spezia, Benevento e Torino, mentre ha pareggiato la Fiorentina. La classifica, nella zona salvezza, è così compattata: Genoa 36, Fiorentina 34, Spezia 33, Torino, Cagliari e Benevento 31, Parma 20, Crotone 18.

CINQUE GIORNATE ALLA META. Per terminare l’opera il Cagliari ha disposizione, come le altre contendenti (Torino escluso) ancora 450’ più eventuale recupero. Se centrata, la salvezza non può essere una festa, visto l’organico non certo da zona retrocessione messo in piedi dalla Società di Tommaso Giulini. Napoli, Benevento, Fiorentina, Milan e Genoa, le avversarie che Nainggolan devono affrontare. Il sogno, ovviamente, è vincerle tutte. La speranza è raggiungere la fatidica soglia dei 40 punti, ma potrebbero bastarne meno. Occorrerà capire cosa accadrà giornata per giornata.

IL CALENDARIO DELLE AVVERSARIE. Considerate virtualmente retrocesse in Serie B Parma e Crotone (manca solo la matematica) manca la terza squadra che da regolamento, scenda nella cadetteria. Oltre al Cagliari ci sono (come già citato da classifica) Genoa, Fiorentina, Spezia, Torino e Benevento. Quasi in porto la compagine di Ballardini, attesa domenica dal match all’Olimpico contro una Lazio tornata in corsa per un posto in Champions (una gara da recuperare col Torino) quindi la gara casalinga contro un Sassuolo lanciatissimo, quindi la trasferta a Bologna, il confronto interno con l’Atalanta e per ultimo il Cagliari alla Sardegna Arena.  A due punti dal Genoa, ma con soli tre punti di vantaggio sul terz’ultimo posto, la Fiorentina. La vittoria al Bentegodi sull’Hellas Verona e il successivo pareggio al Franchi con la Juventus, hanno fatto rifiatare (ma non rilassare) Ribery e compagni. Il percorso non è ancora in discesa: domenica c’è la trasferta a Bologna, poi la sfida casalinga contro la Lazio, soprattutto lo scontro diretto alla Sardegna Arena col Cagliari, prima di affrontare sul proprio campo il Napoli e chiudere la stagione allo Scida con il retrocesso Crotone, non certo disposto a regalare punti.

Nonostante un bel cammino, con all’interno il meritato 2-0 sul Milan e il pareggio con l’Inter, lo Spezia con 33 punti sta rischiando non poco. Sabato non è per nulla facile la trasferta sul campo dell’Hellas Verona, per non parlare del confronto al Picco la settimana dopo col Napoli. Il derby con la Sampdoria, lo scontro diretto col Torino alla penultima e la Roma nell’ultimo turno, chiude il torneo dei ragazzi di Italiano. Con l’avvento di Nicola in panchina al posto di Giampaolo, sembravano migliorate le cose in casa Torino. La sconfitta di ieri col Napoli ha vanificato il successo sulla Roma. I granata (che devono recuperare il 18 maggio la gara in casa della Lazio) sono attualmente a quota 31 punti, gli stessi del Cagliari e del Benevento. Le prossime due partite con Parma e Verona, possono dare una mano importante per la salvezza.

Oltre al match con i biancocelesti, Belotti e compagni se la devono vedere anche con Milan, Spezia e Benevento. La compagine messa peggio è senza dubbio il Benevento. Il clamoroso exploit a Torino contro la Juventus è stato un fuoco di paglia per gli uomini di Filippo Inzaghi. Il calendario non aiuta certamente. Sabato la trasferta contro un Milan imbestialito per le due sconfitte di fila con Sassuolo e Lazio, che stanno mimando il cammino verso un posto Champions 2021/2024, quindi lo scontro diretto al Vigorito con un Cagliari in gran forma. Ma le difficoltà non saranno finite: l’Atalanta a Bergamo, il Crotone in casa e ultima col Torino in trasferta, rischiano di segnare in negativo un cammino pessimo nel girone di ritorno.

 

53 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
53 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Si, Benvenuto…

Bruno
Bruno
1 mese fa

Vedrete che con i goal di Uribe e Ravot ci salviamo.

Bruno
Bruno
1 mese fa

Finiamo all’11o posto, come nel 1984.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

CalcioCasteddu.it Benevento😜

frank
frank
1 mese fa

tutta aria fritta!!!!! il cagliari deve fare corsa solo su se stessa, preparando una partita alla volta. Semplici deve tenere la squadra allineata e coperta senza lasciarsi andare a troppi entusiasmi.
forza casteddu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

3 vittorie e 1 pareggio nelle ultime 5 partite e siamo salvi…

adi gozzi
adi gozzi
1 mese fa

c’è da fare il miracolo a Napoli !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Qualcuno mi sa dire perché a 5 giornate dalla fine deve ancora recuperare una partita? Così per un amico!Intendevo il Torino.

zinnibiri
zinnibiri
1 mese fa

il cagliari ci ha insegnato che se gioca senza il coltello tra i denti le prende da tutti..
La strada è lunga e ogni partita è una finale. Non vanno fatti calcoli, solo giocate col coltello tra i denti

Stefano Gesh
1 mese fa

Il Milan è diventato così molle che ho paura che il Benevento possa vincere tranquillamente a San Siro, quindi dovremo batterli per riagganciarli. Mi preoccupa anche il Verona, non ha più nulla da chiedere a questo campionato e temo possa regalare punti alle nostre concorrenti. La buona notizia è che la Lazio deve sfidare parecchie delle nostre concorrenti e le schianterà tutte (spero!)

sisol
sisol
1 mese fa
Reply to  Stefano

Mamma mia …….Il Benevento può vincere tranquillamente a Milano ??.. ma dove caxxo le prendi queste considerazioni ? Ottimismo allo stato puro il tuo . Tutto può succedere .. per carità .. ma ” Tranquillamente ” mi sembra eccessivo . Comunque massimo rispetto per le opinioni altrui .

GP20
GP20
1 mese fa
Reply to  sisol

Ha detto che ha paura che… non che lo da per scontato.
Ho visto Juve-Benevento… la sua paura che schiantano il Milan è giustificata… anche se dopo due sconfitte anche io sono certo il Milan scenda in campo.

Giovanni
Giovanni
1 mese fa
Reply to  sisol

Hai proprio ragione

Angelorossoblu
Angelorossoblu
1 mese fa

Bisogna giocare 5 finali, e se ci salviamo dobbiamo esultare.

Fabio
Fabio
1 mese fa

Una domanda che non è inerente con l’articolo: sulla vendita di Barella, nello scudetto quasi certo dell’Inter mi sembra che ci sia un bonus o baglio?

Fabio
Fabio
1 mese fa
Reply to  Fabio

sbaglio

carlo p.
carlo p.
1 mese fa

Fosse venuto prima Semplici…

Ronzitti Nicola
Ronzitti Nicola
1 mese fa

Più squadre coinvolte meglio è così nessun biscotto

GP20
GP20
1 mese fa

Vero.. ma nel caso di Genoa-Lazio cosa speri? Secondo il tuo ragionamento è meglio perda il Genoa,una in più invischiata(che però all’ultima viene da noi).
Invece la Lazio è importante resti aggrappata al gruppo Champions fin quando recupererà la gara col Torino.

Last edited 1 mese fa by GP20
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Forza Cagliari sempre ❤️💙💪💪

Mario
Mario
1 mese fa

Per noi, NON importante, ma opportuno non perdere a napoli

Antonio leone
Antonio leone
1 mese fa

Bisogna fare punti a Napoli ,cercare di non perdere è fondamentale ..anche il pareggio va bene se poi vinciamo basterebbero altre due vittorie ..contando che a parità di punti bisogna vedere gli scontri diretti ..vincere 3 partite di fila era l’unica maniera per giocarsi la salvezza nelle ultime partite .

Mao
Mao
1 mese fa

Il benevento alla penultima contro il crotone e all’ultima contro il torino gia’ salvo fa 6 punti sicuri.
Quindi dobbiamo per forza giocare tutte le partite come fossero finali

GP20
GP20
1 mese fa
Reply to  Mao

È vero. Se il Torino azzecca le prossime, il Benevento può far 6 punti alla fine e anche io sono convinto che contro due squadre in vacanza aldilà delle dichiarazioni.. possa farli.

sisol
sisol
1 mese fa
Reply to  Mao

Dove le prendi tutte queste certezze ? Che dobbiamo giocare tutte le partite come fossero finali mi sembra ovvio .. ma non credo che Torino e Benevento abbiano vita facile .. e anche quelle che oggi hanno qualche punto in più non dormono sonni tranquilli . 5 partite sono tante , ci sono 15 punti in palio .. è ancora tutto da vedere !!!

Giovanni
Giovanni
1 mese fa
Reply to  sisol

Sintesi perfetta….

Val3
Val3
1 mese fa
Reply to  Mao

Può essere corretto…… Ma cosa ti fa essere così sicuri che il Torino sia già salvo tra 4 giornate?

Pepe
Pepe
1 mese fa

Col Napoli ci potrebbe stare di lusso anche un punto! Bisogna provarci comunque, poi a Benevento a testa bassa senza timore!

Paolo
1 mese fa

Niente calcoli, il tempo dei calcoli è finito da molto: bisogna fare 9 punti a tutti i costi ed il prima possibile.

sisol
sisol
1 mese fa
Reply to  Paolo

Bravissimo Paolo .. 9 punti .. dove non importa . 9 +31 fa 40 e dovrebbero bastare. Cominciamo a non presentarci a Napoli già con le mutande alle caviglie .( come ho letto da qualche parte su questo forum ) . Quello che conterà alla fine sono i punti .. certo che fatti contro le dirette concorrenti in questo momento valgono più del doppio .. ma prima c’è il Napoli !!

Marcello
Marcello
1 mese fa
Reply to  Paolo

Esatto la squadra si è rimessa in carreggiata, ma non basta, come dici tu bisogna fare nove punti, tutto il resto sono parole al vento.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bastano 6 punti?

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa

L’ho già scritto e lo ribadisco, adesso che abbiamo raggiunto il Torino ed il Benevento e avvicinato le altre, dobbiamo assolutamente restare agganciati a loro sino alla fine per fare in modo che le ultime sfide Spezia-Torino e Torino Benevento siano partite vere e che la spartizione della posta non possa accontentare entrambe, in quel caso ci basterebbe anche non perdere a Benevento, se poi si vincesse ancora meglio, sarebbe salvezza al 90%, ma guai a perdere quella partita.Forza Cagliari!

Mario
Mario
1 mese fa
Reply to  CASTEDDAIU

Non dimenticate la sporcacciata del recupero lazio torino. A campionato finito!!!!!!
A buon intenditor!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa
Reply to  Mario

Purtroppo quella è una pagina vergognosa con la complicità di tutte le parti coinvolte e comunque vada, il campionato già anomalo per tanti motivi, ne uscirà falsato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa
Reply to  CASTEDDAIU

Hai perfettamente ragione, bisogna mettere il pepe al cuIo alle avversarie se vogliamo evitare i biscotti.

Marinaio
Marinaio
1 mese fa
Reply to  CASTEDDAIU

Quoto il tuo pensiero, ma a Benevento bisogna andare a vincere per un semplice motivo, in caso di parità di punti si salverebbero loro in virtù degli scontri diretti. Fidarsi è’ bene non fidarsi è’ meglio.

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa
Reply to  Marinaio

Beh, certo l’ideale sarebbe vincere a Benevento, in quel caso come ho scritto saremmo salvi al 90% ma nel caso non si riuscisse a vincere, almeno pareggiarla, però restando agganciate alle due che ho menzionato in modo che vincendo noi l’ultima potremo o superarle entrambe se pareggiano a quantomeno quella delle due che perderà. Certo in quel caso dovremo assolutamente vincere col Genoa. F.C.

massimiliano rossi
massimiliano rossi
1 mese fa

AL momento non è facile dire chi sta peggio se non evidenziare il momentaccio del Benevento…ma il calendario appare duro per tutte.

Stef .
1 mese fa

Indubbiamente essere pari al Benevento ci dà una buona chance. Se togliamo lo scontro diretto dove sarà fondamentale vincere (ma anche non perdere) restano 4 partite dove dovremo fare un punto più di loro. Entrambi abbiamo il Milan, Noi Napoli, Viola e Genoa, Loro Atalanta, Crotone e Torino. Se vinciamo A BN abbiamo scontro diretto a favore, e loro dovranno fare 4 punti più di noi. Partiamo da qui, se pareggiamo a BN e facciamo 4 punti tra viola e genoa retrocediamo.

Claud
Claud
1 mese fa

Io vedo una lotta per non retrocedere che coinvolge ancora tutte le squadre fino al genoa compreso. Ci sono troppi incroci che coinvolgono squadre per un posto in Europa ed altre per non retrocedere. La partita di Benevento anche se importantissima non sarà decisiva. Poi non è detto che a Napoli si perda. Ricordo che prima delle tre vittorie consecutive abbiamo tenuto testa all’Inter.

Franck
Franck
1 mese fa
Reply to  Claud

 Abbiamo tenuto testa all’Inter? si certo con un degno catenaccio, è senza un solo tiro in porta.

Shardan Kast
1 mese fa
Reply to  Claud

Il Napoli ha un gioco che soffriamo particolarmente, meno fisico di quello dell’Inter ma più tecnico. Se ci hanno messo in mezzo le riserve della Roma, con il Napoli sarà decisamente più dura.

GP20
GP20
1 mese fa
Reply to  Daniele Faedda

Sono i nostri ad aver rinunciato a tenere un pallone dopo il vantaggio fino al pari. Poi han dimostrato che erano in grado se non altro di tenere il campo e arrivare in fondo… domani è più tosta.. sarebbero 90 minuti ben spesi gia nel cercare di divenire squadra con un idea collettiva… li con catenaccio e palla lunga ti infilano comunque

Mirko
Mirko
1 mese fa

Lo ripeto da almeno un mese e mezzo, la squadra da mettere sotto è il BENEVENTO in fortissimo calo nel girone di ritorno.
Fiorentina e Genoa, guardando il calendario sono salvissime.
Lo Spezia a quota 33 per me ha grandi chance considerando che puo’ fare punti a Verona, a Genova contro la Samp e le ultime 2 in casa contro Torino e Roma. Se ci salveremo lo faremo a spese del Benevento. I Campani calendario alla mano sono messi malissimo, se usciamo indenni dalla trasferta di Benevento siamo salvi

Marcello
Marcello
1 mese fa

A Benevento è imperativo vincere, poi si potrà parlare di salvezza.

Mirko
Mirko
1 mese fa
Reply to  Marcello

E’ piu’ imperativo per loro che per noi. Per noi sarà indispensabile non perdere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa
Reply to  Mirko

Meglio prendersi il sicuro, possiamo e dobbiamo vincere

Marcello
Marcello
1 mese fa
Reply to  Mirko

Che dici arrivando a pari punti loro hanno il vantaggio dello scontro diretto.

FABIO
FABIO
1 mese fa
Reply to  Marcello

Scusate ma a parità di punti non si guarda la differenza reti prima dello scontro diretto?ora ad es. la classifica vede il Cagliari sopra il Benevento perché ha una differenza reti migliore pur avendo perso il Cagliari lo scontro diretto all’andata col Benevento

Marcello
Marcello
1 mese fa
Reply to  FABIO
  1. Punti negli scontri diretti;
  2. Differenza reti negli scontri diretti;
  3. Differenza reti generale;
  4. Reti totali realizzate in generale: dovesse equilibrarsi anche la situazione della differenza reti delle due squadre, a decidere sarebbe il numero totale di gol fatti;
  5. Sorteggio.
CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa
Reply to  FABIO

No, il Cagliari è davanti al Benevento solo perchè non essendo ancora stata giocata la partita di ritorno, al momento conta la differenza reti, quindi solo se il Cagliari vincesse a Benevento continuerebbe a contare la differenza reti, in caso contrario sarebbe avvantaggiato il Benevento per la somma degli scontri diretti, ovviamente ci auguriamo di vincere quella partita.

Marcello
Marcello
1 mese fa
Reply to  FABIO

No incidono gli scontri diretti, è per questo è necessario vincere.

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Quando ci ha salvato miracolosamente nedo sonetti alle ultime giornate"

Gigi Riva

Ultimo commento: "Su Riva è stato detto e scritto di tutto. Giocatore Immenso ed unico. Ma il suo carisma lo si può riassumere col termine usato da..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Classe pura da grande campione, giocate stupende e professionalità indiscussa Uomo dai principi di vecchio stampo Grazie di tutto " PRINCIPE ", era..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "peccato che perdemo 4-2"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Nel '67 avevo nove anni, ma ricordo quando la formazione iniziava con: Colombo, Martiradonna, Tiddia ... ('64)"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti