Resta in contatto

News

IL DRIBBLING DI… MARIO FRONGIA. Muriel affonda il Cagliari: l’incubo rossoblù prosegue

Nandez e soci vengono beffati dal colombiano. Nell’extra time il rigore prima assegnato e poi annullato da Piccinini: una beffa. Gira male e, se può, anche peggio

Non è bastato un Cagliari che parte con la determinazione chiesta da mesi. È troppo tardi? Sbraita un tifoso. Però, pressing alto, raddoppi, solidità nelle seconde palle sono apprezzabili. Eusebio Di Francesco riparte da Su connottu, con Nainggolan, alle spalle di Joao Pedro e Simeone: ma la salita è sempre più dura. I rossoblù non demeritano, un punticino sarebbe stato oro.  Però, fatica e lucidità vanno spesi per 95’. E sarebbe perfetto un filo di indispensabile buonasorte. Dalla magia di Muriel all’episodio del rigore dato-no dato. No, non gira. Prendi il gol e non ne fai: un punto nelle ultime sei partite, 15 match senza vincere, cinque nelle ultime sei senza mai segnare. I numeri inchiodano. Anche Eusebio di Francesco deve riflettere. La società in settimana ha parlato con il dg Passetti: no comment. Errori, scelte opache e nodi sono al pettine, complicato o peggio, fuori tempo massimo, per eventuali soluzioni. E la fiducia della tifoseria è agli sgoccioli. Se non finita.

TATTICA E CONCENTRAZIONE. Con il Ninja che deve fare filtro su Pessina e quando capita Freuler. JP10 si abbassa (ma Romero lo annulla), il terminale offensivo è il Cholito (poca roba), stretto nella morsa Djimsiti-Palomino. Marin e Nandez in mediana. Uno spreco, viene da dire, nel vedere l’uruguaiano, tra i pochi a poter puntare l’uomo e dare superiorità numerica, piazzato a fare legna davanti alla difesa. I rossoblù sanno di dover fare punti, il terzultimo posto è da brividi. C’è da attendere Duncan (entrato a fine gara) o Asamoah. La classifica, i gol presi, le sconfitte (sette nelle ultime otto gare) fanno paura. E ormai, c’è da chiedersi se la soluzione possa essere quella di cambiare il tecnico. Pensando, un po’ prima, all’eventuale sostituto, al gruppo, ai senatori, al progetto, oramai finito nella carta straccia. La B è un inferno, meglio non pensarci. E fare l’impossibile per mantenere la categoria. Che poi Gasperini metta in campo un’Atalanta reduce da un filotto con una vittoria nelle ultime cinque gare, è servito poco o nulla.

MURIEL IL CECCHINO. Miranchuk e De Roon al posto di Pessina e Pasalic sono le mosse del tecnico ospite, dal 1’ minuto della seconda frazione: inutile parlare della qualità a disposizione del tecnico che, con il club ha salutato il Papu Gomez e tra due mercoledì gioca contro il Real Madrid. Joao Pedro viene stoppato da Sutalo, occasionissima, calcio d’angolo. Sugli sviluppi, Nandez impegna Sportiello. I ritmi salgono, ma DiFra si lamenta con i suoi. La ripartenza rossoblù non è precisa. L’attenzione resta alta: buon segno. Ilicic esce per Muriel. Nandez si sacrifica, combatte, mette carne al fuoco. Godin (il migliore in campo) mura una girata di Gosens. Prima un tiro alto, poi la traversa nega la rete a Zapata. Ultimi venti minuti da assedio. Fino alla magia di Muriel, con le promesse Zappa e Walukiewicz giocate in un metro quadro. Il colombiano non perdona: 1-0. Ma tutto nasce da un fallo laterale battuto sciaguratamente da Lykogiannias. Male. Poi, nel primo minuto dei tre supplementari l’episodio che avrebbe dato, forse, un punto meritato al Cagliari. Rugani entra in area, sta per calciare, De Roon lo tocca. Piccinini indica il dischetto. Lo chiamano al Var: rigore cancellato. Un lettore scrive: il Dio del calcio vede e provvede. Poi, se non correggi con umiltà la rotta, non perdona.

NOTARELLE FINALI
1)
grazie di cuore ai colleghi e agli amici di Calcio Casteddu, vicini e presenti nel momento della dipartita di mio padre Salvatore. E sono grato ai tanti lettori, che mi hanno scritto (pubblicamente e in privato) un pensiero e le condoglianze. Mio padre tifava come tutti voi il Cagliari. L’ultima volta che ne abbiamo parlato, lunedì scorso, mi ha detto “Ma cumenti fainti a fai giogai ancora cussu terzino grecu?”. Aveva nel cuore, oltre a quelli dello scudetto, la squadra di Brugnera sesta con Tiddia, quella di Zola risalita in A e il gruppo guidato da Rastelli. Venerdì alle 10.30 se ne è andato.  Ancora grazie.
2) La Serie A è bizzarra, in tempi di pandemia e senza pubblico, le sorprese si moltiplicano. Dal Napoli, per nulla trascendentale e con Gattuso a rischio, che batte di misura la Juve allo Spezia che inchioda il Milan capolista. Peraltro, gli spezzini di Italiano (autori di un calcio organizzato, veloce, affamato e tecnico per 95’) hanno avvertito anche le inevitabili scorie del passaggio di proprietà dal petroliere Volpi al miliardario americano Platek, fondatore del fondo Msd. Eppure, quando c’è la testa e la professionalità giusta, non ci sono stadi pieni o vuoti che ti sostengono. E neanche Ibra, Gigi Donnarumma, Bennacer, Calhanoglu, Mandzukic, Leao o Kessié, che tengano.
3) Ho segnalato a più riprese, anche dando uno sguardo agli ultimi quattro anni, quali siano le probabili responsabilità. A ripeterle, si sbaglia due volte. Provo a sintetizzarle: 60 per cento società (Uomo solo al comando che decide su mercato, monte ingaggi, team dirigenziale, osservatori, obiettivi, operazioni estere, stipendi da capogiro, relazioni e rapporti, eccetera), 25 squadra, 15 allenatore. In questi casi, fin dal via si sa chi paga. Ma i sardi, tifosi e sportivi, hanno davvero poche colpe.

CalcioCasteddu diffida (e si riserva di adire vie legali) chiunque nei propri commenti ingiuria, minaccia, diffama o ha comportamenti oltraggioso . Ci aspettiamo rispetto per il prossimo e la massima collaborazione!  Grazie. 

 

52 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
52 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mario
Mario
1 mese fa

Per cominciare sentite condoglianze per la scomparsa di una persona che è sicuramente stata testimone di un calcio d’ altri tempi. L’ articolo ha centrato perfettamente in maniera equilibrata quelle che sono le note dolenti. Arrivati a questo punto però servono fatti e speriamo di poter assistere finalmente ad una vittoria del Cagliari venerdì sera

Riki Brando
Riki Brando
1 mese fa

Ci sono cose molto più importanti del calcio. Condoglianze.

Tonyos (già Forza Cagliari)
Tonyos (già Forza Cagliari)
1 mese fa

Sentite condoglianze a lei e famiglia. Il silenzio penso sia il modo migliore per ricordare e onorare le persone importanti a cui si è voluto bene e alle quali si deve la nostra esistenza. Scusi se prendo spunto da questa triste notizia, ma penso che i giocatori del Cagliari in questo momento debbano nel silenzio, ritrovare loro stessi e le motivazioni per ripartire a nuova vita.

Salvatore. P. Torres
Salvatore. P. Torres
1 mese fa

Esprimo la mia vicinanza, per la dipartita del suo caro padre. Condoglianze, egr. Dr frongia.. Passando ad argomenti meno importanti, apprezzo cio” che asserisce nel punto tre. Pasticcio su pasticcio, ed eccocci qua’ magari rimpiangendo cellino. Che pena, come ho gia’ detto sembra un circo, che e’ comunque spettacolo . ma col torino si vince o no?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non condivido la percentuale di colpa di EDF. Non sa leggere le partite. Non capisce quando fare i cambi, come ieri, Atalanta che ha giocato 3 giorni prima ha fatto 5 cambi a tempo debito. Lui no, come al solito pochi cambi confusi negli ultimi minuti

Ietti
1 mese fa

Non sapevo sig. Frongia, sentite condoglianze. Sono d’accordo sull’articolo. Le responsabilità di dirigenza e squadra sono enormi e EDF nelle ultime partite ha dimostrato di aver capito che stiamo franando. Gli altri sembra di no. Ho letto che EDF verrebbe esonerato se non vince col Toro. Se fosse vero sarebbe la definitiva prova delle buffonate di cui è capace il vertice societario. EDF ormai deve stare in panchina fino alla fine. Troppo facile andarsene.

Ietti
1 mese fa
Reply to  ietti

Inoltre la bandiera del Cagliari in queste ultime partite la stanno portando Marin, Godin, un po’ il Ninjia…..dove sono gli altri, dove è la rabbia agonistica e la bava alla bocca per salvare maglia, categoria, tifo di un popolo. Se retrocederemo sarà bene pensare a fare tabula rasa di quasi tutti, dalla dirigenza in giù. Il cuore comunque è sempre rossoblu….

Atlantis
Atlantis
1 mese fa

“È tardi, maledettamente tardi….c’è tempo solo per altri fischi” (Gianni Brera, dopo il gol finale di Capello in Polonia-Italia 2-1, Mondiali 1974. Italia eliminata)

Danilo BG
Danilo BG
1 mese fa

Condoglianze sentite a lei sig. Frongia.
Sono d’accordo con lei sulle colpe alla società Cagliari che non ha fatto tesoro degli sbagli fatti gli anni precedenti. Poi in campo ci vanno i giocatori che hanno le loro colpe, ritengo che Di Fra non sia esente da colpe, anzi con la sua cocciutaggine, la sua confusione, le tante scelte sbagliate fatte in campo, aumentino di parecchio le sue colpe.
Il nostro allenatore deve avere un patto con il Diavolo, xchè dopo tutte le sconfitte,il non gioco,

Danilo BG
Danilo BG
1 mese fa
Reply to  Danilo BG

ed i numeri impietosi della classifica (sconfitte, reti subite, ecc….) resta sempre tranquillo al suo posto, senza mai fare un’ autocritica, senza essere mai messo in discussione, rinviando da parte sua la riscossa alla prossima partita, rinvii su rinvii. Cos’ non si può andare avanti !!!!
Da BG e tifosissimo del Cagliari da una vita, ieri l’ennesima,beffa,l’ennesima delusione, l’ennesimo incaz….ento. Non sono rassegnato, ma la vedo brutta questa ennesima stagione deludentissima.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sig Frongia personalmente ritengo “il milanese ” responsabile col più del 60% della situazione del Cagliari…la progettazione ormai non esiste da anni visto che gli allenatori e i direttori sportivi nella nostra società sono come gli yogurt a scadenza

Sandro
Sandro
1 mese fa

La progettazione necessita di tempo oltreché di volontà…tempo che, da quel che leggo, ci si è abituati anche qui a non concedere…si vuole tutto e subito…spiace doverlo ricordare, ma non funziona così…ci vogliono tempo lacrime e sangue per arrivare all’obiettivo, anche con una seppur buona progettazione…almeno io la penso così

Satyricon
Satyricon
1 mese fa
Reply to  Sandro

per aspera ad astra….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Analisi attenta.

Adriano
Adriano
1 mese fa

Ora che ho letto cosa pensasse suo padre del Cagliari, se posso raddoppio le mie condoglianze, perché pari pari condivido tutto. Non so quanti anni avesse, ma se ha tifato i Cappellaro, i Serradimigni…..la mia età è vicina alla sua, come i miei pensieri sul Cagliari. R.i.p.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Complimenti per la disamina corretta e condoglianze per il papà.

Geronimo
Geronimo
1 mese fa

Sentite condoglianze, sign. Frangia.
Per il resto articolo ineccepibile come al solito

emiliano
emiliano
1 mese fa

Condoglianze.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Entrata da dietro era rigore ed espulsione

PorthosIII
PorthosIII
1 mese fa

Dr. Frongia, non sapevo del suo dolore. Condoglianze

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Bell’articolo come sempre, mi permetto di dissentire sulle percentuali date alle varie responsabilità di questa penosa situazione che ci troviamo a dover vivere : passi sul 65 per cento, ma il 15% del tecnico lo darei ai giocatori ed il 25 al tecnico, che mai , e dico mai, ha dato l’impressione di avere le idee chiare sul come utilizzare la rosa a disposizione…basti vedere quante volte siamo scesi in campo con la stessa formazione. Sulle scellerate scelte della proprietà stendo un pietoso velo, perché solo questo la dirigenza merita, avendoci di fatto regalato una stagione di frustrazioni alla quale… Leggi il resto »

Ivano Spiga
Ivano Spiga
1 mese fa

La butto lì. Radja avrebbe dovuto iniziare a giocare con noi da Settembre, invece che stare fermo all’Inter. A quest’ora ci sarebbe stato qualche punto in più e probabilmente Rog non si sarebbe infortunato, dovendo fare lavoro per due.

Atlantis
Atlantis
1 mese fa
Reply to  Ivano Spiga

Ottima osservazione!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Innanzitutto porgo le mie sincere condoglianze per la dipartita del papà di Mario Frongia. In secondo luogo ritengo che Frongia sia uno dei pochi giornalisti che dice le cose come stanno senza peli sulla lingua.. averne di giornalisti così!👏👏👏👏

4 mori
4 mori
1 mese fa

Quello che da più fastidio è l’incompetenza del presidente che nonostante abbia sbagliato già la prima annata in serie A e anche il secondo anno con Rastelli non ha imparato la lezione! Sembra che lo faccia apposta, naturalmente non lo fa apposta però ogni volta ricommette gli stessi errori senza affidarsi a collaboratori del mestiere vuole fare tutto lui Ma non capisce che non ha la capacità

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Spiace constatare che la dirigenza del Cagliari, dimostri notevole incapacità di gestione degli acquisti e delle cessioni dei giocatori. Perché questa squadra è palesemente inadatta alla serie A. In difesa pur avendo due ottimi giocatori come Godin, e Rugani abbiamo due laterali non all’altezza. Nandez e Naingollan fuori ruolo a sfiancarsi inutilmente. Marin non è un regista. Insomma una serie di errori e un tecnico che non sa che pesci pigliare. Abbiamo bisogno di tanta fortuna……

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Non sapevo di suo padre.
Le mie più sentite condoglianze Dott.Frongia

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

L’allenatore e’ il responsabile N.1 anche del goal subito al 90 ,tutti gli allenatori di ogni squadra che si rispetti telecomandano i propri calciatori sopratutto nei minuti finali ,sulla rimessa laterale dove nasce il goal dell’Atalanta ,tu allenatore devi suggerire il tuo calciatore a due minuti dalla fine ,semplicemente appoggiare la rimessa laterale indietro su Godin tra l’altro liberissimo e non buttarla in avanti con il rischio come e’ successo che con due passaggi ti facciano goal ,appoggiandola dietro su Godin ,tieni palla vai indietro sul tuo portiere giochi con il cronometro .Ormai e’ un abitudine prendere goal all’ultimo secondo… Leggi il resto »

A
A
1 mese fa

Bell’articolo…
Guardando le restanti 16 partite,dobbiamo vincerne almeno 7….( torino-crotone-verona-parma-Benevento-Fiorentina e genoa)
Se vogliamo salvarci…
E poi prendere 3-4 pareggi tra bologna-samp-spezia e udinese…
Sara’ dura …molto dura

A
A
1 mese fa
Reply to  A

Dando x scontate sconfitte con juve-inter-milan-roma e napoli…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

E’ veramente difficile commentare,ha ragione Frongia,ormai si rischia di infierire su una squadra con fin troppi problemi!Pero’ da tifoso di lunga data,che ha visto vincere uno strepitoso scudetto,e diverse cadute negli anni seguenti,sempre seguiti da risalite anche faticose,lasciatemi dire che la piu’ grossa delusione e’ l’allenatore!Andava allontanato per tempo,adesso e’ tardi!!!Citando Marras,temo che il prossimo anno potremo cantare:”Quando GIGI RIVA tornera’ ,torneremo ancora in serie A…”

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Marin acquistato per regista e poi si scopre che è una mezzala, chi lo ha chiesto? Difrancesco….. Nandez faceva sfraceli sulla fascia, messo a fare il mediano…. chi lo ha messo li? Difra…. Zappa e Liko (Asamoh Trippaldelli?) chi.li mette in campo….. abbiamo preso un terzino al posto di Zappa perché Difra non lo fa’ giocare? Ma prima di accettare il Cagliari l’allenatore l’ha vista e valutata la rosa? Se la società non gli ha preso i giocatori adatti al suo gioco, perché non si dimette? Io Ho un sacco di dubbi, beato chi è contento ed è positivo…

Giampaolo
Giampaolo
1 mese fa

Sig. Frongia, sono d’accordo con il suo caro papà….come può giocare ancora il greco?? Ma soprattutto perché ogni volta che prendiamo gol si guarda solo l’atto finale ??? Col Sassuolo sottil stavolta walu e zappa, colpevoli x carità ma del fatto che il citato greco da un fallo laterale a nostro favore serva l’avversario per il più facile dei contropiede non lo fa notare nessuno ?? E che l’altra volta sempre da un fallo si permetta stop e cross ??

Raff
Raff
1 mese fa

Dare solo la colpa a zappa walu e liko mi sembra troppo facile nelle ultime 4 partite ila difesa ha preso 4 gol di cui 2 al esimo voglio ricordare che l l’attacco ha fatto 1 gol nelle ultime 7 quel grande allenatore tanto amato da giulini e CUGURRA passetti ha sistemato la difesa e raso al suolo l attacco l unica tattica che ho visto la miriade di passaggi a cragno e poi non è il caso di fare riposare joao Pedro?

Giampaolo
Giampaolo
1 mese fa
Reply to  Raff

Si però all’attacco possiamo dare le colpe se sbagliano i gol, ma se non arriva un pallone che possono fare ????

Raff
Raff
1 mese fa
Reply to  Giampaolo

Giustissimo Giampaolo però questa domanda la dovresti fare a difra la difesa in questo momento sta giocando bene i problemi li abbiamo davanti

Seba
Seba
1 mese fa

Sentite condoglianze dott. Frongia, il resto è inezia.

Lucianorossoblu
Lucianorossoblu
1 mese fa

Non si può dare il 6 a Walu che è il principale artefice della sconfitta. Credo che la panca non gli abbia giovato. Meglio Ceppi oppure Klavan a preferenza o ancora Lyco per una difesa a tre. La squadra ieri mi è piaciuta di più rispetto al passato ed anche l’assetto tattico lo ritengo piu efficace. Purtroppo bisogna fare punti ed essere piu concreti fino all’ultimo. Nell’ultima palla, come succede spesso, piuttosto spendiamo il fallo fuori ma l’avversario non può saltarti come un birillo

Claud
Claud
1 mese fa

Walu si è fatto ammonire dopo 6 minuti di gioco per trattenuta di maglia a metà campo. Da quel momento ho iniziato a tremare.

Fabry 75
Fabry 75
1 mese fa
Reply to  Claud

Vero! A metà campo, troppo ingenuo!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Quando è entrato muriel in campo di Fra doveva cambiare Zappa con calabresi !
Solo lui poteva infierire da quella parte

Niki65
Niki65
1 mese fa

Aggiungo che non tutto è perduto: finalmente la squadra ha iniziato a giocare di spada mettendo da parte il fioretto e finalmente I Godin e i Nainggolan iniziano a carburare, il primo più del secondo. La svolta della partita sono stati i cambi: noi Deiola, Duncan (fuori forma) e Pavoletti (non quello che conoscevamo), loro De Roon, Miranchuck e Muriel. Speriamo che la svolta arrivi venerdì.
Un tifoso da Pescara, da cinquant’anni con il Cagliari nel cuore

Adriano
Adriano
1 mese fa
Reply to  Niki65

Ti prego tifoso da Pescara, riprenditi il tuo compaesano e riportalo nelle vostre stupende montagne. Dimenticatelo li, tra le nevi del Grsn Sasso.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Le responsabilità maggiori sono dell’allenatore, che non ha saputo utilizzare al meglio una rosa tutt’altro che mediocre. Comunque speriamo fino all’ultimo la salvezza, anche se ormai la vedo dura.

Niki65
Niki65
1 mese fa

Gentilissimo Mario, innanzitutto ti esprimo la mia vicinanza per la perdita di tuo padre; poi, ti faccio i complimenti per la disamina della partita di ieri, una sconfitta immeritata ma che parte da molto lontano. Con il senno del poi, è stato un grandissimo errore non prendere Nainngolan sin da ottobre (ce lo hanno “consegnato” in condizioni pessime, atleticamente parlando) e su di lui, se non ricordo male, si voleva costruire un Cagliari da parte sinistra della classifica. Per dirne una.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Due birilli saltati come niente fosse . Eppure , erano entrambi ben piazzati. L’errore più grande l’ha fatto Zappa , facendosi saltare senza intervenire , doveva fermarlo anche facendo fallo da giallo

Sandro
Sandro
1 mese fa

E se dall’eventuale punizione viene fuori un gol gli dai addosso perché ha fatto fallo al limite dell’area…ha fatto una gran giocata Muriel e punto…capita, è il Calcio…se vai a guardare con più attenzione anche Immobile ha fatto una gran giocata e per poco Cragno non gliela para lo stesso…semplicemente non gira nulla per il verso giusto, ma dovrà pur girare e speriamo fin dalla prossima

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mario Frongia, l unico giornalista che dice le cose per come stanno.
👏🏻👏🏻 Mi unisco alle sue parole. Oramai la situazione è irrisolvibile e non solo per colpa dei calciatori, molto spesso utilizzati fuori ruolo, piuttosto x scelte cervellotiche dell allenatore e della società.

Satyricon
Satyricon
1 mese fa

Non sapevo di tuo padre, mi spiace.
Quindi non c’è altro da dire.
(aspettavo il tuo articolo con trepidazione e mi è piaciuto, ma davanti al lutto non ci sono commenti da fare su un’inezia come il calcio).

Claud
Claud
1 mese fa

Per fare la serie A ci vogliono soldi tanti soldi e la nostra non li ha.

Joe
Joe
1 mese fa

“adire” alle vie legali, please.

Satyricon
Satyricon
1 mese fa
Reply to  Joe

se è per questo : adire “LE”
quindi se fai il precisino fallo almeno fino in fondo

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Gigi Riva

Ultimo commento: "In un'annata disastrosa mi consolo guardando i video del Cagliari del 1970 e i gol di rombo di Tuono.......giggirriva leggenda inimitabile"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Fu allenatore forse nel mio momento migliore, la passione per il Cagliari me la trasmise Gigi Riva, ma quando Mario Tiddia ne divenne l’allenatore,..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Un fuoriclasse VERO. Grande anche dal punto di vista umano, amato in tutte le piazze in cui ha giocato. Se solo fosse arrivato prima al Cagliari."

Radja, una storia di vita che sembra un film

Ultimo commento: "Nainggolan non arrenderti, data la classifica, coi tuoi compagni. In campo puoi spaziare come vuoi ed inventare l'impossibile. Samp.' docet.'Col tuo..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Francescoli e Zola UNICI"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da News