Resta in contatto

Rubriche

Serie A il punto. Cagliari: il momento no continua. Ma tocca a Di Francesco e ai giocatori uscirne fuori

Sesta sconfitta di fila. Ma oltre gli errori difensivi sotto accusa l’attacco con le polveri  bagnate. In vetta grande equilibrio

Sesta sconfitta consecutiva per il Cagliari: non succedeva (come ricorda l’ANSA) dai tempi della prima retrocessione in B con Zeman, Zola, ancora Zeman e infine Festa. I rossoblu sono terzultimi a 14 punti insieme al Torino. A distanza di quattro punti dal terzetto Genoa-Spezia-Udinese. Una situazione inimmaginabile alla vigilia del campionato. Nonostante questo la società ha deciso la conferma Di Francesco con il contratto rinnovato sino al 2023 (LEGGI QUI).

RICORSI BENAUGURANTI. Non è un’eccezione nella storia del club una situazione simile: ovvero il rinnovo del tecnico nonostante il momento di grande difficoltà. Arturo Silvestri rimase infatti alla guida della squadra ultima nel giro di andata nel 1964-65. Gli Orrù poi tennero con fermezza Claudio Ranieri in panchina nel 1990-91 con il Cagliari in piena zona retrocessione, così come la stagione successiva con Carlo Mazzone, che poi portò il Cagliari in Coppa Uefa al termine del campionato 92’93 (la prima) con Massimo Cellino presidente. L’ultimo caso è quello di Allegri: cinque sconfitte consecutive a inizio campionato, poi il primo pareggio con il Milan. E da lì ripartì la risalita dei rossoblù e decollò la carriera del mister che, dal Sassuolo poi approdò al già citato Milan e alla Juventus, con due finali di Champions League. Nel caso attuale di Di Francesco, il presidente Giulini resta convinto della sua scelta iniziale, con una certezza: tra allenatore e squadra c’è sempre pieno accordo e intento di lavorare.

PROBLEMI E RINFORZI. Nel primo caso il discorso è fondamentalmente legato alle condizioni fisiche di quelli che dovrebbero essere i suoi due trascinatori. Diego Godin, che sembra in ripresa, ha finora giocato solo nove partite su diciannove mentre Radja Nainggolan (tornato a gennaio) non ha ancora la cosiddetta benzina per giocare a pieno ritmo una partita intera: ieri è uscito sfinito proprio quando la squadra avrebbe avuto bisogno di lui. Problemi che, evidentemente, per Giulini e tecnico si possono risolvere. Sul secondo punto occorrono rinforzi per provare a colmare le lacune di un organico che, onestamente, sembra ancora incompleto. Atteso in città l’ex Udinese, Juventus e Inter lo svincolato  Asamoah e non si molla sul regista, individuato in Pulgar della Fiorentina. Tra le possibili cessioni anche quella di Pavoletti. Di Francesco ha parlato di problemi alla schiena in settimana per spiegare il mancato utilizzo del bomber di Livorno ieri a Marassi contro il Genoa, spifferi parlano di una lite tra i due. Ma è evidente che la concorrenza sta creando problemi sia a lui sia a Simeone, anche ieri a secco di reti.

COSA HA DETTO L’ULTIMA GIORNATA D’ANDATA. Il campionato più imprevedibile degli ultimi anni ha proposto il giro di boa consegna una classifica con le prime sette del campionato vicinissime l’una all’altra, cosa che non accadeva dalla stagione 2010/2011. Nove i punti che separano la capolista Milan (battuta nettamente in casa sabato dall’Atalanta) dalla settima in classifica, la Lazio (pari al Napoli ma dietro nella differenza reti in atteso del secondo scontro diretto) In  mezzo Inter, Juventus, Napoli, Roma, Napoli e Atalanta, con Juventus e Napoli che hanno una gara in meno. Rispetto a quel campionato non c’è il Palermo, sostituito dall’Atalanta. Per il resto Hellas Verona e Sassuolo si confermano in zona Europa League, mentre la Sampdoria chiude la parte sinistra della classifica. Tra l’undicesimo e l’ultimo posto, la distanza è 10 punti, aperta dai 22 del Benevento e chiusa dai 12 del Crotone. In mezzo ci sono la Fiorentina a 21, il Bologna a 20, il già citato trio composto da Genoa-Spezia-Udinese, Cagliari e Torino sono a 14  e precedono solo il Parma a 13 e il Crotone a 12.

IL PROSSIMO TURNO. 19 gare per definire, da qui a fine maggio, la squadra Campione d’Italia, le qualificate a Champions e Europa League e le tre retrocesse. Il girone di ritorno partirà venerdì alle ore 20.45 con Torino-Fiorentina (Sky Calcio), Stesso canale sabato alle 15 per Bologna-Milan e Sampdoria-Juventus alle 18. Alle 20.45, ma su DaznInter-Benevento , Spezia-Udinese domenica alle 12.30 e Atalanta-Lazio alle 15, in contemporanea su Sky Calcio con Cagliari-Sassuolo e Crotone-Genoa. Stessa emittente per Napoli-Parma alle 18 e Roma-Hellas Verona alle 20,45 anche su Sky Calcio.

 

38 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
38 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ietti
1 mese fa

La scelta sull’allenatore è stata fatta, nel bene e nel male. Da accettare e basta. Occorrono invece rinforzi importanti in difesa (Asamoah va bene, a condizione che sia integro e abbia voglia di rilancio..), ma serve anche un regista. Sono molto perplesso sulla cessione di Pavoletti, unico attaccante con capacità in area nei colpi di testa e in grado di fare da boa davanti per far salire la squadra. Speriamo che non sia una questione di litigi con il mister, anche se temo il contrario.

Mario
Mario
1 mese fa
Reply to  ietti

La scelta sull’allenatore non e’ stata fatta. Si spera che funzioni. Ma pensi che in caso di 1 solo punto nelle prossime tre gare il problema non si riproponga? O dobbiamo acquistare altri 100 giocatori nella speranza che Di Francesco faccia una figura un po’ meno ridicola?

Ietti
1 mese fa
Reply to  Mario

Io ero e resto a favore del l’esonero di EDF, tecnico a mio avviso mediocre e anche molto arrogante. Sono stati fatti errori vari da parte della società e del mister, ma se il Pres. ha deciso così penso che si debba comunque sostenere in ogni modo la squadra per cercare una salvezza difficile, ma ancora possibile. Questa purtroppo è la situazione e se tra 3 partite saremo ultimi temo che sarà troppo tardi per rimediare.

Angioletto Usai.
Angioletto Usai.
1 mese fa
Reply to  ietti

Già oggi è tardi. Non posso soffrire tutte le volte che il Cagliari và in campo.Vivendo per lavoro all’estero Non si può sempre vedere il Cagliari perdente ed in più con delle scuse da bambino dell’allenatore incapace !

A
A
1 mese fa
Reply to  Mario

Poco da acquistare…
Domenica finisce il mercato
Se dopo sassuolo-lazio e Atalanta facciamo 0 o 1 punto corriamo il rischio di essere ultimi ….
A quel punto voglio capire cosa fara’ la società

Sergio
Sergio
1 mese fa

Prevedo un ottimo girone di ritorno.Giulini ha fatto benissimo a confermare e
prolungare il contratto a Di Fra perché ha capito che ha a che fare con un tecnico preparatissimo e competente come pochi.Con il contributo di tutti , tifosi compresi , sono sicuro che presto usciremo fuori da questa situazione .

Mario
Mario
1 mese fa
Reply to  Sergio

Guarda che non c’e’ nessun premio ne’ stima per il prolungamento del contratto. Semplicemente Giulini dopo avergli dato uno sproposito 3 milioni e 600 mila euro sino al 2022), e’ andato da Difra e piu’ o meno gli ha detto: non ti caccio ma il tuo compenso lo spalmiamo sino al 2023. Cioe’anziche’ 1.8 gli dara’1.2 per tre anni.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa
Reply to  Mario

e chini sesi, il commercialista di Giulini? beato te che puoi seguire dal di dentro.

Mario
Mario
1 mese fa

A su mancu vessiri

Paoloriglia
1 mese fa
Reply to  Mario

mi sà che è esattamente come dici te

Sergio
Sergio
1 mese fa
Reply to  Mario

Sarà anche vero quello che dici , ciò non toglie che , a mio parere , ha fatto bene a rinnovargli la fiducia, anche perché quali sarebbero le alternative ? Zenga, Stramaccioni o quel simpaticone di Mazzarri ? Ma per favore…….

Maury-C
Maury-C
1 mese fa

giulini, allenatore e ds sono stati molto presuntuosi a pensare che coi vari zappa, tremoni, tripaldelli, piu’ qualche altro della vecchia guardia che non ha piu’ niente da dare alla causa, potessero trasportare il cagliari nelle zone nobili della classifica; ora stanno cercando di ricorrere ai ripari, consolidando la posizione dell’allenatore per dare un chiaro messaggio e completando la rosa; con un po’ piu’ di lungimiranza ci saremmo risparmiati ora questo affanno; come andra’ a finire???

Fabrizio
Fabrizio
1 mese fa

Capirei ( per modo di dire ) se ci trovassimo in una posizione mediocre ma comunque tranquilla ( 19-20 punti ), ma siamo terz’ultimi alla 19^ con appena 14 punti, anche se a pari “merito” con il Torino .
Spero che Giulini abbia ragione, non comprendo la sua scelta e rinuncio a capire, però il dato ad oggi è che siamo seriamente indiziati di andare in serie B, anzi con un piede ci siamo già .
Forza Cagliari Sempre !

angelo
angelo
1 mese fa
Reply to  Fabrizio

Penso invece che Giulini conosca il problema. Qualche tempo fa ho scritto che parecchi dei nostri big, stanno giocando con sufficienza, anzi insufficienza perchè insieme ai loro procuratori si sono promessi ad altre squadre. Se noi retrocediamo il loro valore diminuisce e quindi più appetibili, Giulini l’ha capito e se si retrocede tutti in B.
Se hanno ambizioni mettano le paxxe altrimenti tutti insieme anche l’anno prossimo.

Mauro Cadeddu
1 mese fa
Reply to  angelo

Boh Angelo, non saprei, giocare male non è mai convenuto a nessuno. Guarda Milik, ha fatto tante storie, alla fine è rimasto 6 mesi senza giocare e nessuna delle big di serie A si è svenata per prenderlo.

Mauro Cadeddu
1 mese fa
Reply to  Wirossoblu

Tra l’altro chi lo vuole uno che per andar via fa queste cose? Mah… C’è dell’altro. Anche perché si sono amazzati ieri, non mi sembrava non volessero vincere. Poi Joao vuol star qui, Radja sappiamo cosa ha fatto per venire, Pavoletti non credo voglia andar via. L’unico Simeone.

angelo
angelo
1 mese fa
Reply to  Wirossoblu

Io spero che tu abbia ragione ed io torto.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa
Reply to  Wirossoblu

Perfettamente d’accordo con te. Il calcio è marcio ma non significa che siano tutti disonesti e sleali.

Gió1
Gió1
1 mese fa
Reply to  angelo

Eja credici che certi giocatori rimangono in B…:..e poi scusa vorresti gente svogliata che ci ha fatto retrocedere? Ma per carità tutte caxxate…..a maran gli rinnovarono il contratto e si vide che fine fece…..se e solo se si continua così penso che salti anche DF fra qualche giornata….julius ha voluto dare una responsabilità ai giocatori ma il primo è lui che ha costruito una squadra senza capo ne coda…

angelo
angelo
1 mese fa
Reply to  Gió1

Sono curioso di vedere chi ha più paXXe tra Giulini ed i calciatori. Se son rose fioriranno

Gió1
Gió1
1 mese fa
Reply to  Gió1

attenzione anche al nervosismo di nandez è eloquente non ne puó più di correre per nulla…e la prox nn ci sarà.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa
Reply to  Fabrizio

Ma perché un piede già in serie B? Guarda che anche il Benevento dovrà sudarsela la salvezza, e non ha le nostre potenzialità.

Fabrizio
Fabrizio
1 mese fa

Alberto, vorrei avere il tuo ottimismo, ma i numeri parlano, ci mancano 26 punti per raggiungere la quota fatidica .
Le potenzialità sono come l’intelligenza, senza applicazione non servono a niente .
Forza Cagliari Sempre !

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa
Reply to  Fabrizio

Se tutte le squadre in basso rimarranno compatte , quest’anno con 34 punti puoi salvarti ma anche retrocedere. Io sono ottimista perché non credo che i giocatori ci faranno un danno simile. Con Zeman erano impotenti, ma questi non lo sono.

Tonino
Tonino
1 mese fa

Non voglio essere ripetitivo , quando dico che la difesa andava migliorata già a giugno ,spero ora che con calabresi e Asamoah e l’impegno di tutti si riesca a venirne fuori

Luigi Di Giovanni Bezzi
Luigi Di Giovanni Bezzi
1 mese fa

Vanno venduti i doppioni Ounas e Pereiro
, basta Sottil come esterno di riserva. Via Liko non può fare la A. Via uno tra Klavan e Walu. Via Caligara e Cerri. Bisogna sfoltire per garantire maggiore competitività anche da chi subentra. Alcuni che entrano a gara in corso sembra siano in vacanza.

Marcolino M.
1 mese fa

Sono del tuo parere, tranne che su cerri, non era niente male Domenica, e Walu penso possa dare un contributo.

EDF
EDF
1 mese fa

Il Cagliari sono io!
Mi rivolgo, nello specifico, al babbuino residente a pontecurone fabrizio di ml 1.4 di altezza e massa pari o vicina alla tonellata. Il piede in B,ti comunico, l’ha messo il cunno di quella grandebagasciache ti ha scaraventato in questo sporco mondo. Il Casteddu scalerà la vetta quando tu sarai sottoterra, quindi presto, io sono fiducioso. Tu puoi essere tutto tranne che un tifoso rossoblu, letame farfugliante e ululante, giaicoddaudemaumettu sesi tu, giai prexau

Lorenzo
Lorenzo
1 mese fa

Non piangiamo sul latte versato. Con il Sassuolo deve iniziare la riscossa del Cagliari. Tutti insieme, calciatori, allenatore, dirigenti e tifosi dobbiamo essere uniti per vedere la nostra squadra risalire la china. Quel che è stato è stato. Con la grinta, con passione e con l’unità possiamo farcela. Forza Cagliari sempre 💪🔴🔵

Mauro Cadeddu
1 mese fa
Reply to  Lorenzo

Se il presidente ha scelto di continuare con EdF certo la cosa migliore è stare vicino alla squadra.
Purtroppo non è neanche possibile. Dubito che i calciatori leggano i commenti su calciocasteddu. Lo spero per loro almeno, io sl posto loro non li leggerei per nulla al mondo

Mauro Cadeddu
1 mese fa
Reply to  Wirossoblu

Dimenticavo… Forza Cagliari sempre!

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa

L’anno scorso facemmo un ottimo girone d’andata e un pessimo girone di ritorno, si disse che era colpa della preparazione di Maran. Perché si esclude a priori che quest’anno non si faccia il contrario? Certo più di una salvezza non si potrà ottenere, ma se Di Fra supera la tempesta l’anno prossimo partiremo già rodati, come Sassuolo e Verona quest’anno e tutti ne vediamo i vantaggi. Quindi invece di minare il percorso con commenti feroci, vedete di tifare e non parlare di serie B.

Nicola puddu
Nicola puddu
1 mese fa

Lo scorso anno sarebbe bastato non minare l’ambiente come ha fatto giulini dopo la sconfitta con la juve e comprare un difensore come chiedeva Maran, il verona he tenuto Juric perché ha fatto un gran campionato, noi siamo ridicoli. In due anni tra Cagliari e samp ha fatto 17 punti in 28 gare e abbiamo 15 punti in meno rispetti Maran messo in discussione da quarto in classifica. Meritiamo di retrocedere con discorsi senza logica come i tuoi

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 mese fa
Reply to  Nicola puddu

Beato te che conosci la logica del calcio.

Gianni
Gianni
1 mese fa

Stiamo vicini alla squadra. Ci riprenderemo..

Adi Gozzi
Adi Gozzi
1 mese fa

Adesso c è il Sassuolo : cosa propone questo mister manager strapagato per portare a casa i 3 punti ?

Angioletto Usai.
Angioletto Usai.
1 mese fa

Giuliani cambia Di Francesco al più presto altrimenti la serie B è già assicurata !

Angioletto Usai.
Angioletto Usai.
1 mese fa

Giulini svegliati non devi prendere in giro i Sardi !

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "il maggior fuoriclasse tecnico del Cagliari, negli anni 80 era secondo in Sud America solo a Diego"

Radja, una storia di vita che sembra un film

Ultimo commento: "Semplicemente grazie ninja"

Fabián O’Neill

Ultimo commento: "Tovalieri"
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "La migliore espressione del calcio sardo. Un campione immenso dentro e fuori dal campo"

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Ero presente, gran gol di Pepe e un immenso Cagliari che lotta per tutta la partita e infine tutto lo stadio in piedi ad applaudire, uno spettacolo..."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Rubriche