Resta in contatto

Approfondimenti

Altra occasione da cogliere prontamente

Alessandro Tripladelli ha esordito dal primo minuto nella gara di sabato sera contro la Juventus, ma è stato sostituito dopo soli 45 minuti

Scendere in campo all’Allianz Stadium e trovarsi di fronte i campioni d’Italia non sarebbe stato semplice per nessuno.

E’ così è stato anche per Alessandro Tripaldelli, di professione terzino sinistro, e catapultato sulla linea dei centrocampisti per cercare di fluidificare la manovra rossoblù sull’out mancino.

La buona volontà e l’impegno ci sono stati, è indubbio, ma la realtà lo ha visto ben presto soccombere alla rapidità ed allo strapotere fisico di Juan Cuadrado e Dejan Kulusevski.

Ergo, Eusebio Di Francesco lo ha richiamato in panchina dopo i primi quarantacinque minuti di gioco per far entrare Riccardo Sottil e passare dal 3-4-2-1 al classico 4-2-3-1.

Con la squadra oramai già sotto di due goal questa soluzione era la maggiormente auspicabile e probabilmente lo stesso Alessandro, per quanto conscio di ciò, avrà sicuramente pensato e ripensato alle situazioni di quel freddo primo tempo.

Ma oramai l’acqua sotto il ponte è oramai passata e di fronte c’è subito un’altra opportunità: Charalampos Lykogiannis sarà out ancora per un bel pezzo e Tripladelli avrà subito l’occasione per rifarsi.

Appuntamento tra quarantott’ore quando alla Sardegna Arena arriverà un avversario tosto, ma pur sempre più “abbordabile” della Vecchia Signora, ovvero l‘Hellas Verona.

In palio c’è non solo la qualificazione al turno successivo di Coppa Italia, ma anche l’opportunità di immagazzinare altri minuti nelle gambe, acquisire sempre maggiore fiducia nei propri mezzi e, soprattutto, quella dell’allenatore.

Insomma, un po’ di cazzimma che, da buon napoletano, il ventunenne rossoblù ha sicuramente dentro e che dovrà cercare di far uscire e concretizzare in buone prestazioni.

 

32 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti