Resta in contatto

News

Premi Ussi Sardegna 2020, l’isola celebra i grandi dello sport

Si sono svolti oggi i premi dedicati al mondo dello sport isolano nella suggestiva location di Is Molas a Pula

Una serata per celebrare lo sport e tutte quelle persone che continuano a viverlo a 360 gradi nonostante tutto. Equilibrio, altruismo, inclusione: il giornalismo al tempo del Coronavirus. Questo il leitmotiv dell’evento che ha visto la partecipazione dei grandi nomi dello sport sardo. Dai campioni del Cagliari del ’70 a quelli moderni, come i brasiliani Jeda e Joao Pedro, affiancati a un mito di caratura internazionale come Gianfranco Zola. Proprio Magic Box ha premiato il bomber rossoblù per un emozionante passaggio di consegne tra numeri 10. “Non sono stupito dei quasi 20 gol dello scorso campionato – ha detto Zola – l’ho allenato e so quanto vale”.

 

Ma non solo calcio, anche altri grandi protagonisti dell’atletica come Dalia Kaddari e Filippo Tortu, giornalisti del calibro di Luca Telese, Riccardo Trevisani e poi il gran finale, con la famiglia Astori sul palco. Papà Renato e il fratello Bruno hanno consegnato il premio intitolato all’indimenticato Davide a qualcuno che con il numero 13 rossoblù ha condiviso campo e spogliatoio: Jeda Capucho Neves.

Non sono mancati anche tanti sorrisi, con l’energia di due campioni come Tomasini e Brugnera. Quest’ultimo che ha anche detto scherzosamente di avercela “con Daniele Conti per aver superato il record di presenze”. Premiati anche due volti storici del giornalismo sardo come Valerio Vargiu e Bruno Corda, protagonisti di alcune pietre miliari dello sport in tv e della radiocronaca.

 

La cerimonia condotta dal presidente Ussi, Mario Frongia, e dalla condirettrice di Videolina, Simona De Francisci, ha dunque omaggiato il mondo sportivo che, nell’era del Covid, tra tante difficoltà continua a resistere e regalare sogni a milioni di appassionati.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Peggio di così è difficile. 8 anni due retrocessioni e 6 campionati mediocri, però con lo stadio di tubi innocenti (di Cellino) e le magliette..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News