Resta in contatto

News

Napoli superato 2-0 a San Siro: in attesa dello scontro diretto con l’Atalanta, l’Inter si riprende il secondo posto

Grazie alle reti di D’Ambrosio e Lautaro Martinez la squadra di Conte batte quella di Gattuso e risponde ai bergamaschi impostisi 2-1 a Parma

In attesa della Lazio, impegnata domani sera all’Olimpico contro il retrocesso Brescia, la lotta per il secondo posto è apertissima. Sabato Inter e Atalanta si giocheranno tutto nello scontro diretto. Intanto stasera, ai bergamaschi, che nella gara giocata al Tardini si sono imposti in rimonta 2-1 sul Parma,  ha risposto la squadra di Conte, che ha regolato 2-0  a San Siro, il Napoli.

NERAZZURRI SUBITO AVANTI. 11’ di gioco e vantaggio nerazzurro. Azione nata dal traversone di Candreva per Biraghi, bravo nel controllare sul secondo palo e serve D’Ambrosio che, con il mancino, supera Meret. I partenopei sfiorano il pareggio al 20’ col rasoterra esterno mancino di Zielinski, pallone si perde a pochi centimetri dal palo difeso da Handanovic. Un minuto dopo il portiere ospite anticipa d’un soffio Lukaku. Poco prima del cooling break Zielinski ci prova (25’) col mancino dal limite, Handanovic respinge con i pugni e salva il gol, ripetendosi in respinta con i pugni al 31’, stavolta su Politano. Cinque minuti dopo gran botta di Insigne, ma solo uno strepitoso Candreva sala il pareggio sulla linea di porta. Nel secondo dei 4’ di recupero concessi da Valeri, grande riflesso di Meret che si rifugia in angolo sul rasoterra calciato da Brozovic, col sinistro.

MARTINEZ. Al 19’ della ripresa Elmas fa partire il tiro col sinistro, che sfiora il palo alla sinistra di Handanovic il quale si lancia a terra per evitare guai. Che gol il quattordicesimo in stagione, il quarto da fuori area, per Lautaro che al 29’ non ci pensa due volte a fa partire una grande conclusione potente col destro, che obbliga Meret a raccogliere per la seconda volta in serata il pallone dal sacco. I campani accusano il colpo, hanno difficoltà nel reagire e nei 6’ di recupero non arriva la svolta, anzi su punizione al 47’ Eriksen sfiora il terzo gol.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Tutti a dire...vendere....vai via........ma. prima sarà meglio che ci sia qualcuno serio che voglia prendere e fare bene x il Cagliari calcio......e..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News