Resta in contatto

Rubriche

Correva l’anno 1977, il Cagliari scende il campo il 25 giugno

Esattamente quarantatrè anni fa i rossoblù guidati da Lauro Toneatto si giocano gli spareggi per salire in Serie A allo stadio Liberati di Terni

Il 10 marzo 1977, al termine del primo tempo, un calciatore del Lecce (Cannito ndr) viene colpito in pieno volto da un’arancia lanciata dagli spalti. Le conseguenze per il Cagliari sono dolorose con un conseguente 0-2 a tavolino. Ma i rossoblù guidati dal duo Piras-Virdis recuperano nel finale del torneo e con la vittoria sull’Ascoli all’ultima giornata che permette di guadagnare gli spareggi.

25 GIUGNO. Esattamente quarantatrè anni fa, sabato 25 giugno 1977, a Terni, nel primo turno degli spareggi, i sardi affrontano il Pescara. Solo due squadre accederanno alla massima Serie. Sugli spalti dello stadio “Liberati” sono presenti ben 5 mila sardi. Espulso Casagrande, nell’incontro successivo con l’Atalanta il Cagliari si ritrova decimato a centrocampo. La sconfitta contro i bergamaschi e il successivo pari tra gli orobici ed il Pescara, condanna il Cagliari alla permanenza in Serie B.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche