Resta in contatto

News

Dario Silva: “Ho perso una gamba, e allora? La vita continua e sorrido, senza alcun rimpianto”

Le parole dell’ex giocatore del Cagliari, che racconta le sue mille vite. L’ultima, quella in una pizzeria come tuttofare. Senza mai dimenticare Cagliari: “La mia casa”

Non ha mai dimenticato la Sardegna, tanto meno la maglia rossoblù. Nonostante le tante peripezie, Dario Silva ha sempre un ricordo indelebile degli anni trascorsi sull’Isola. Ora, però, la vita è un’altra.

“Mi sono reinventato”, spiega l’ex giocatore del Cagliari a Sportweek, che ora fa il cameriere in una pizzeria di Malaga, “vivo qui da tre anni, sono un tuttofare. Qui vengono curiosi, ex compagni, turisti, giornalisti. Prima o dopo le partite è sempre una bolgia”.

CAGLIARI. “La Sardegna è la mia casa, Cagliari è la città più bella che abbia visto. Seguo sempre il club, impazzisco per Nandez e Pereiro, sono due fenomeni. Quando torno nell’Isola è sempre come se fosse la prima volta. Mi chiamavano ‘Sa Pibinca’ perché non stavo mai fermo”.

TRAPATTONI. “Se sono diventato un calciatore lo devo a lui, mi ha fatto capire il gioco a suon di strilli. Un giorno, a fine allenamento, mi tolsi le scarpe per andare sotto la doccia, ma il Trap mi portò a centrocampo dicendomi che la seduta non era ancora finita”.

CELLINO. “Avevo un bel rapporto con lui, è uno che ti dice le cose in faccia. Spesso veniva negli spogliatoi prima del match e ci caricava. Vive la squadra a 360 gradi. Ventura? quando tornammo in Serie A dissi al presidente di scegliere tra me e lui: non lo sopportavo. Cellino decise di tenere il tecnico e io volai in Spagna, prima all’Espanyol, poi al Malaga“.

L’INCIDENTE. “Avevo lasciato il calcio da poco, quando la macchina andò a sbattere ero a Montevideo. Non ricordo molto di quei giorni, ma ora me ne frego. Ho perso una gamba, e allora? La vita continua e sorrido, senza alcun rimpianto. Vorrei fondare un team di ciclismo e sfidare i miei amici, è uno sport che ho sempre amato. Conoscevo Marco Pantani, una volta mi regalò la sua bandana”.

FRANCESCOLI. “Ho giocato con grandi campioni, difficile scegliere il più forte. Ricordo Enzo Francescoli, un genio. Il giorno del mio primo gol in Nazionale, nel 1994, fu lui a mettermi la palla sulla testa. Ero un bambino felice”.

29 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "A questo punto bisognerebbe capire quanto vale il cagliari… fare una colletta e sbattere fuori i CONTINENTALI, presidente ,ds e giocatori che non..."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Se non si hanno giocatori di valore, può arrivare a che il più bravo degli allenatori ma non si possono avere prospettive di risalire in serie A...."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News