Resta in contatto

Approfondimenti

Nel ricordo di Simoni… Quella sua maglia azzurra offerta a Riva per l’esordio

27 giugno 1965: l’infortunio di Pascutti portò Fabbri nel match di Budapest a far giocare l’attaccante del Cagliari che non aveva una maglia numerata

Nato a Crevalcore in provincia di Bologna il 22 gennaio del 1939, Gigi Simoni (deceduto oggi) ha iniziato la carriera di calciatore nelle giovanili della Fiorentina. Ha giocato con Mantova, Napoli, Torino, Juventus, Brescia e Genoa, dove ha chiuso la carriera di calciatore e iniziando quella di tecnico. Per lui le panchine di Brescia, Genoa, Pisa, Cremonese, Ancona e Carrarese. Ha allenato l’Inter per due stagioni dal ’97 al ’99 conquistando la coppa Uefa. Ha guidato anche Napoli, Torino, Empoli, Piacenza, Lazio, Cosenza, Cska Sofia ed è stato dt della Lucchese.

SIMONI E QUELLA MAGLIA AZZURRA A RIVA. Nessuna presenza in Nazionale per Gigi Simoni. Fabbri lo portò in panchina il 27 giugno 1965 a Budapest, in una gara contro l’Ungheria. Dopo 8’ il CT chiama Riva (all’esordio assoluto in azzurro) al posto dell’infortunato Pascutti. Ma l’attaccante del Cagliari non aveva una maglia numerata, così Simoni consegnò la sua col numero 16. Nicolò Carosio per mezzora in radiocronaca ogni volta che Riva toccava palla, nominava Simoni, avendo lui come cognome sulla distinta. Simoni e Riva si sarebbero certamente rivisti con frequenza a Cagliari, se il primo avesse accettato il corteggiamento di Cellino (STAGIONE 1999/2000) per la panchina del club rossoblù.

 

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Paolo Orru'
Paolo Orru'
12 giorni fa

Mi ricordavo fosse la maglia di Rizzo (già ottimo calciatore del Cagliari). Boh. Probabilmente avete ragione voi

Lula73
Lula73
13 giorni fa

Mai sopra le righe.Forse superato tatticamente, già quando allenava l’Inter, forse, certamente una persona perbene.
Riposa in pace Simoni

Matteo Boe
Matteo Boe
12 giorni fa
Reply to  Lula73

Ma cali lula o pivellu de unu preri caghineri. O fabrizio dellomo ma bai a pigai po su cu a sorri tua, aligheri de pontecurone

Fabrizio
Fabrizio
12 giorni fa
Reply to  Matteo Boe

…. che strano ( si fa per dire ), pontecurone una volta lo ha nominato Pepino ( alias Pepe Mujca ) in un post a me diretto .
Forza Cagliari Sempre !

Fabrizio
Fabrizio
13 giorni fa

Un autentico Signore, in un mondo molto spesso volgare .
Onore a Simoni .
Forza Cagliari Sempre !

Matteo Boe
Matteo Boe
13 giorni fa
Reply to  Fabrizio

Custa esti sa versioni buonista chi tenisi o imbrollioni. A du nai tui volgare, esti a di fai unu complimentu. Faidí coddai bruttu caghineri falsu. Abarrasa una mantenicca burda. Ahahahahaaa

Francesco
Francesco
11 giorni fa
Reply to  Matteo Boe

Non meriti risposte!!

Francesco
Francesco
11 giorni fa
Reply to  Matteo Boe

Anzi.. “de boi tenisi una cosa scetti: is corrus”

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grandissimo Herrera!!! Garra uruguagia, cuore rossoblu."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti