Resta in contatto

Esclusive

Cabrini: “Parlare di calcio in un periodo come questo è fuori luogo”

Il dolore di uno dei campioni del mondo del 1982 come quello di tutti gli italiani, per la situazione. Il Covid come un tarlo che si intrufola nel legno

Una voce rotta dal dolore quella di Antonio Cabrini al telefono, lui, nato a Cremona zona afflitta dal Coronavirus, sta vivendo settimane critiche. In esclusiva ha condiviso con noi il suo dispiacere e ha espresso il suo pensiero su quello che sta accadendo in Italia per colpa del Coronavirus.

Un periodo buio, il peggiore dal dopoguerra, con il Covid 19 che ha messo in ginocchio il Paese…
“Non è facile assolutamente, sentiamo ogni giorno quello che sta accadendo in tv. Personalmente sto vivendo come la maggior parte degli italiani, chiuso in casa e rispettando le direttive imposte dal Governo. Per evitare che questo virus si espanda bisogna fare ciò che ci è stato chiesto”.

 I dati dei contagiati e delle persone guarite ci fanno sperare, anche se la ripresa sarà ancora lunga…
Negli ultimi giorni alcuni dati sono certamente positivi. In base alle statistiche e ai numeri possiamo vedere l’andamento del Covid come procede. Tutti speriamo che il picco arrivi il prima possibile, in modo da poter riprendere, quando il Governo ce lo dirà, le nostre attività giornaliere. Tengo a precisare che la cosa fondamentale è il comportamento dei cittadini: solo stando attenti possiamo sconfiggere il Coronavirus”.

Il calcio è in attesa di conoscere il suo futuro. Magari qualche battibecco poteva essere risparmiato?
“In questo momento non me la sento di fare polemiche parlando di calcio. Tutti noi stiamo vivendo un dramma. Lo sport viene dopo, molto dopo; la questione adesso è riportare il popolo italiano alla serenità e alla normalità il prima possibile. In questo momento faccio fatica a parlare di calcio, mi sento un po’ fuori luogo”.

Le piacerebbe vedere la Serie A giocare nel periodo estivo?
“Adesso è presto per dirlo. Dobbiamo vedere giorno dopo giorno la situazione legata al virus. Prima di pensare a come poter rigiocare, l’aspetto fondamentale è che tutti stiano bene, che il Covid sia sconfitto e dopodiché sedersi ad un tavolo e trovare soluzioni. Ci sono persone adatte e capaci che in un momento di tranquillità decideranno le sorti dello sport in generale non solo del calcio”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Finalmente uno con sale in zucca

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Bravo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma chi lo decide di cosa si può parlare????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

,ma evitiamo di parlare di calcio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Giusto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Questo è un altro di quelli convinti che dopo il picco saremo liberi.
😄😄😄😄
Dopo il picco bisognerà contare lo stesso tempo intercorso per giungervi ma all’indietro (40 giorni dal primo caso al picco?…altri 40 per andare dal picco alla cessazione dell’emergenza).
Ci saranno alcune aperture graduali, ma per tornare a fare quello che facevamo ci vorranno diversi mesi, sempre che tutto vada bene.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

👏👏👏

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Assolutamente d’accordo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Concordo con te .

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Esclusive