Resta in contatto

Rubriche

Sassuolo, la macchina del tempo: storia e protagonisti

Il prossimo avversario del Cagliari è una realtà recente del calcio italiano, salita alla ribalta nell’ultimo decennio dopo un lungo oblìo

1920. Accomunata al Cagliari dallo stesso anno di fondazione, il Sassuolo fa parte del ristretto novero di città non capoluogo di provincia capaci di raggiungere la Serie A. Tanti anni nei campionati dilettantistici emiliani, poi la ribalta della D conquistata a fine anni Sessanta. Nel periodo successivo arriva sulla panchina l’ex gloria del Bologna Ezio Pascutti, però purtroppo il Sassuolo resta imbrigliato nelle categorie minori in maniera sempre più evidente. All’inizio del decennio successivo arriva l’Interregionale. Nella stagione 1983-84 un arrivo storico, destinato a cambiare le sorti del club: quello di Giorgio Squinzi e della Mapei, che cominciano la partnership con la società. I benefici si vedono in breve tempo.

C. Il Sassuolo approda in Serie C2, nel 1987 la Mapei diventa sponsor ufficiale. Il progetto però non decolla, Squinzi abbandona, la squadra crolla di nuovo nei Dilettanti. Nel 2002 Squinzi diventa presidente, nel 2007 viene sfiorata per la prima volta la promozione in Serie B, solo rimandata: l’ingaggio di Massimiliano Allegri in panchina porta la tanto agognata salita in cadetteria, un evento storico. Il tecnico vive la rampa di lancio della carriera, così come Eusebio Di Francesco che nel 2013 vince il campionato alla guida dei neroverdi e scrive una pagina storica del calcio italiano.

REALTÀ. Da meteora potenziale, il Sassuolo si rivela invece una splendida realtà della Serie A contro ogni previsione. All’esordio in A arrivano subito due salvezze consecutive, sempre con Di Francesco in panchina, che alla terza annata compie il miracolo del sesto posto e della qualificazione in Europa League: la stella è l’attaccante mancino ed estroso Domenico Berardi. Tra alti e bassi, i neroverdi mantengono la categoria senza grossi patemi d’animo anno dopo anno. Nell’ultimo campionato Roberto De Zerbi conquista una salvezza tranquilla, restando alla guida della squadra anche nella stagione in corso, funestata dalla scomparsa del patron Giorgio Squinzi.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Antonini
Alberto Antonini
7 mesi fa

Piastrelliamoli, tanto la colla ce l’hanno già!

Mx
Mx
7 mesi fa

Forza cagliari

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Giampietro Piovani

Ultimo commento: "Ma coddarì assolu con sa pilledda girara a manicu e' paracqua!!!"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Vergognatevi!! Ma cosa volete raccontare..avete sbagliato anche il cognome.. e non si tratta di un errore di stampa, lo avete reiterato anche nella..."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Io ricordo che prima dell'incontro con la Massese il Cagliari giocò al Sant'Elia una Partita non ufficiale, un'amichevole col Benfica in cui giocò..."

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche