Resta in contatto

Approfondimenti

Ex rossoblù sulla panchina del Cagliari: quanti incroci nel passato

Prendendo spunto dall’ingaggio di Thiago Motta al Genoa, andiamo a ricordare quanti ex giocatori del Cagliari hanno poi vestito i panni di allenatore della prima squadra

Prima giocatori, poi allenatori della stessa squadra. Sono tanti i coloro che, appese le scarpette al chiodo, hanno intrapreso la carriera di allenatore, andando a sedersi proprio sulla panchina di quella squadra dove avevano militato con la maglia addosso. L’ingaggio di Thiago Motta pochi giorni fa sulla panchina del Genoa fa da spunto per ricordare quanti e quali sono gli ex rossoblù che si sono cimentati nella doppia veste a Cagliari, a distanza di anni.

MARIO TIDDIA. Protagonista da giocatore nella prima storica promozione in Serie A del Cagliari, Tiddia diventò poi allenatore in diverse stagioni. Da ricordare quella del 1980/1981, quando ottenne un clamoroso sesto posto nella massima serie. L’ultima volta, nel 1987/1988, quando prese la squadra sull’orlo della Serie C2 portandola alla salvezza.

MASSIMILIANO ALLEGRI. L’exploit di Cellino. Con Allegri il Cagliari riuscì a mostrare in campo bel gioco e risultati, crollando però sul più bello. Il periodo era quello tra il 2008 e il 2010. Fu sostituito poi dal tecnico della Primavera rossoblù Giorgio Melis, quando il presidente perse le staffe per un presunto pre-accordo del tecnico col Milan.

PIERPAOLO BISOLI. Massimo Cellino ritentò la sorte dopo la fortunata esperienza con Allegri, ma le cose non andarono allo stesso modo. Per Bisoli, nella stagione 2010/2011, solo poche partite prima dell’esonero dovuto anche a incompatibilità con alcuni senatori della rosa di allora.

DIEGO LOPEZ. Prima in coppia con Ivo Pulga, poi da solo, dal 2012 al 2014. Con la bufera societaria in corso (Cellino agli arresti per la questione Is Arenas), portò la squadra in salvo senza grossi problemi. Fu chiamato poi anche da Giulini nella stagione 2017/2018, in sostituzione dell’esonerato Rastelli, portando anche in quel caso (con un po’ di affanno) la squadra in salvo.

IVO PULGA. Come spiegato sopra, fu allenatore in coppia con Lopez dal 2012 al 2013, poi vice e di ancora sulla panchina rossoblù (questa volta da solo) nel 2014, ma con poca fortuna.

GIANFRANCO ZOLA. Chiamato nel dicembre 2014 per porre fine agli altalenanti risultati ottenuti da Zeman, Zola arrivò a Cagliari col suo vice Pierluigi Casiraghi. Esperienza sfortunata la sua: subì l’onta dell’esonero e fu sostituito a sua volta dal tecnico boemo, richiamato però troppo tardi.

GIANLUCA FESTA. Nel 2015 prese in mano una squadra ormai condannata alla Serie B dopo la gestione di Zdenek Zeman, esonerato, richiamato e di nuovo mandato via. La prima stagione dell’era Giulini fu un completo disastro, con la retrocessione in Serie B. Per Festa anche ruoli di vice nelle precedenti stagioni.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti