Resta in contatto

Approfondimenti

Primavera 1: quei 18’ fatali che non intaccano una stagione comunque eccellente

La beffa finale subita dal rigore siglato ieri dal Torino che ha estromesso il Cagliari dai play-off non può prescindere dal doppio ko subito dal Chievo

Trenta giornate del massimo campionato della Primavera che vanno in archivio con due certezze: un grande torneo da matricola per i ragazzi Canzi, ma anche la beffa finale con il Torino. Un 2-2 che ha ovviamente mandato nello sconforto i rossoblù, ovviamente per come arrivato: ovvero un rigore decretato dall’arbitro in pieno recupero per il fallo di Marigosu (ieri tra i migliori in campo) siglato da Rauti, quando si aspettava il fischio finale da parte del signor Moriconi di Roma 2, per festeggiare un traguardo straordinario.  I granata, passati in vantaggio con lo stesso Rauti al 10’ della ripresa e superato dalla doppietta di Gagliano, prima dell’epilogo finale, non erano arrivati in Sardegna in vacanza. Certi dei play-off, si giocavano con la Fiorentina il quarto posto, ottenuto per il pareggio dei viola per 1-1 col Milan, che ha fatto retrocedere i rossoneri nella Primavera 2.

FINALE DI STAGIONE. Salutano il massimo campionato l’Udinese, da tempo retrocessa ma che si è giocata le partite senza regalare nulla a nessuno (come dimostrano i pareggi imposti a Juventus e Chievo Verona) e il già citato Milan. Per i rossoneri un duro colpo dopo anni di soddisfazioni, mentre i play-out vedranno opposte Empoli (ko casalingo per 4-2 con la capolista Atalanta) e Genoa, battuto 2-0 dal Sassuolo, con i toscani avanti di due punti in classifica. Lo stesso Sassuolo, la Sampdoria, che ha umiliato in rimonta 6-1 il Chievo Verona, si salvano senza dover ricorrere allo spareggio. La griglia play-off da primo al sesto posto è invece la seguente: Atalanta, Inter, Roma, Torino, Fiorentina e Chievo, con i granata e i Viola che si affronteranno in un match da dentro o fuori come Roma e Chievo. Atalanta e Inter entreranno in scena con le vincenti di queste due sfide.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Ma chi si aspettava un campionato così?bravissimi.

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ancora con Cammarata? Basta! NON ha fatto niente di niente a Cagliari per essere menzionato. Riva merita Molto, ma Molto di più che Cammarata...."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Su Riva è stato detto e scritto di tutto. Giocatore Immenso ed unico. Ma il suo carisma lo si può riassumere col termine usato da..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Classe pura da grande campione, giocate stupende e professionalità indiscussa Uomo dai principi di vecchio stampo Grazie di tutto " PRINCIPE ", era..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "peccato che perdemo 4-2"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Nel '67 avevo nove anni, ma ricordo quando la formazione iniziava con: Colombo, Martiradonna, Tiddia ... ('64)"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti