Resta in contatto

Approfondimenti

Théréau, la palma di “flop dell’anno” è tua

L’attaccante francese non è stato nemmeno convocato da Maran per la trasferta di Genova: preludio della fine di un’operazione deludente

GENNAIO. Cyril Théréau out dalle convocazioni di Rolando Maran per Genoa-Cagliari. Scelta tecnica, unico rossoblù lasciato nell’Isola insieme agli infortunati Ceppitelli e Faragò. Una decisione emblematica, fotografia di un’avventura estremamente deludente per l’attaccante francese, iniziata a gennaio e che vede già scorrere i titoli di coda.

FLOP. Il 36enne ex Fiorentina, arrivato in prestito con la sessione invernale – dopo aver già rifiutato in precedenza l’opzione rossoblù – ha messo il piede in campo solamente in 5 occasioni. 25 minuti al debutto con l’Atalanta (con infortunio muscolare annesso), altri 20 un mesetto dopo con il Bologna, 7 contro la Fiorentina, l’unica da titolare sul campo del Chievo (70 minuti) e gli ultimi 6 minuti della sconfitta all’Olimpico contro la Roma il 27 aprile. Totale 128 minuti, con zero gol all’attivo e un rendimento approssimativo negli spezzoni disputati. Una delusione, per chi – come lo stesso Maran, si suppone – intendeva contare su un giocatore di fiducia e d’esperienza. Dopo la gara contro l’Udinese che concluderà il campionato, il dietrofront di Théréau verso Firenze appare scontato. Se non dovesse esserci in futuro la possibilità di riscatto per lui, ecco lo status di meteora negativa rossoblù, da tramandare ai posteri.

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Insisto: è chiaro che una casa è buona se acquisti buoni i materiali edili ma anche il costruttore, ma senza buoni materiali crolla. Ora il crollo..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti