Resta in contatto

Approfondimenti

Il Cagliari ha finito la benzina…e le motivazioni

Con la sconfitta di ieri pomeriggio la piazza ha dovuto fare i conti con una triste verità. I rossoblù non hanno più energie

Da qualche settimana si è assistito ad una vera e propria dichiarazione di guerra verso il decimo posto.

Un obiettivo che, specie dopo la vittoria casalinga contro il Frosinone, sembrava assolutamente alla portata della squadra rossoblù.

A giudicare dalle successive tre partite, o meglio, dalle tre sconfitte arrivate contro Roma, Napoli e Lazio, però, tale dichiarazione è sembrata più d’intenti che non di guerra.

Sia chiaro, considerato il valore degli avversari, specie partenopei e laziali, le sconfitte potevano stare anche in un ipotetico preventivo. Ma ciò che ha preoccupato e deluso i tifosi è stato l’atteggiamento: se contro il Napoli è stato apprezzabile, contro le squadre capitoline è stato a dir poco imbarazzante.

Giocatori lenti e macchinosi, errori incomprensibili, poche occasioni create e l’impressione che il desiderio sia quello di guadagnare le docce il prima possibile.

Siamo oramai alla fine di un campionato che si è rivelato durissimo, dove il tecnico Maran ha dovuto spesso “lottare” contro infortuni e situazioni avverse. L’obiettivo non è stato aritmeticamente raggiunto, ma il lavoro svolto può non essere riconosciuto all’intero staff del Cagliari.

Sarebbe opportuno, però, mantenere un’opportuna e realistica visione della situazione, contorni e dettagli compresi, ed agire di conseguenza.

A disposizione ci sono ancora 180 minuti contro avversari assolutamente alla portata dei rossoblù e la piazza auspica che dal fondo del barile possano essere raschiate le ultime energie e motivazioni per regalare un’ultima soddisfazione prima delle meritate vacanze.

 

102 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
102 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Ma anche ago ma perché non ha messo tre attaccanti subito dal primo minuto doveva essere un assalti ed invece abbiamo visto zavorre scarse senza..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti