cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Accadde oggi: 2013, l’arresto di Cellino per Is Arenas

6 anni fa il colpo di scena legato ai lavori di adeguamento per l’impianto di Quartu: tra le persone coinvolte l’allora patron rossoblù

ARRESTO. Era il 14 febbraio 2013. Massimo Cellino, presidente del Cagliari Calcio, venne arrestato la mattina di quel giorno insieme al sindaco di Quartu Mauro Contini e a Stefano Lilliu, assessore allo Sport del comune quartese. I reati contestati riguardavano l’impianto sportivo di Is Arenas, in cui il club rossoblù stava disputando le proprie partite casalinghe per l’inagibilità del Sant’Elia.

ACCUSE. I reati contestati al trio riguardavano peculato e falso ideologico. In una intercettazione telefonica dell’anno precedente, Cellino si lamentava delle difficoltà incontrate nel realizzare l’impianto per far giocare il Cagliari, dovute secondo lui all’allora (e attuale) sindaco Zedda, reo di odiare la squadra. Al contrario di Contini, tifoso rossoblù che si adoperò per Is Arenas. Lo stadio fu dichiarato a sua volta inagibile: il Cagliari giocò da lì alla fine del campionato a porte chiuse e poi al Nereo Rocco di Trieste. Cellino tornò in libertà tre mesi dopo, fu poi raggiunto un accordo con Regione e Lega Calcio per poter ritornare al Sant’Elia, dopo alcuni lavori di ristrutturazione.

 

Subscribe
Notificami
guest

40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un turno tutt’altro che banale dopo l’ufficializzazione di cinque italiane nella nuova Super Champions League...
Nonostante la stagione regolare si avvii verso la conclusione, come detto dal mister Pisacane, la...
In attesa della gara delle 20.45 è questo il vantaggio sul Frosinone che domenica alle...

Dal Network

Il tecnico, prossimo avversario, è profilo gradito per la nuova stagione. Intanto il club...
La Roma ha spiegato le motivazioni per le quali bisognerebbe spostare il recupero della sfida...

Altre notizie

Calcio Casteddu