Resta in contatto

News

Conti: “Astori, nato per diventare capitano. È una mancanza troppo dura”

Davide Astori

Il ricordo di Davide Astori nelle parole del suo capitano ai tempi di Cagliari: Daniele Conti: “Era un ragazzo eccezionale”.

IL RICORDO. Davide Astori è un ricordo indelebile nella mente di tutti gli sportivi e in particolare dei tifosi rossoblù, che ne hanno ammirato le gesta al Sant’Elia dal 2008 al 2014. Quel maledetto 4 marzo, in cui Davide ci lasciò a Udine nella notte prime del match alla Dacia Arena, una data che è impossibile dimenticare. A Udine ci tornerà domenica la sua Fiorentina. In cui ha lasciato non solo bellissimi ricordi, ma anche l’esempio di un grande uomo e grande professionista.

L’INTERVISTA. Per ricordare Davide, Dazn ha dedicato uno speciale intervistando due personalità molto vicine a lui: Stefano Pioli, suo allenatore nella Fiorentina, e Daniele Conti, suo capitano a Cagliari. La bandiera rossoblù ha parlato così del suo ex compagno.

UN RAGAZZO ECCEZIONALE.È dura parlare di Asto. Noi avevamo un bellissimo gruppo, appena arrivava uno nuovo noi “anziani” andavamo a spiegargli cosa fosse il Cagliari: lui ci ha dato subito l’impressione di un ragazzo eccezionale e molto umile. È uno che ha insegnato tanto anche a me, parlando con lui mi ha aperto la mente su tante altre cose“.

UN CAPITANO NATO.Io penso che Davide sia nato capitano, ricordo un episodio di inizio stagione: il vicecapitano di solito era uno che militava da tanto nel Cagliari, ma Cellino decise che sarebbe stato Davide. Gli dissi che magari sarebbe stato meglio che lo facesse Checco Pisano, ma Davide rispose che se lo sentiva, lì capii la sua personalità, capii che era nato per diventare capitano“.

LA MANCANZA.Il giorno in cui se n’è andato ero a vedere una partita. Mi arrivò un messaggio, pensavo fosse uno scherzo, ho iniziato a fare tremila chiamate per accertarmi che la notizia fosse vera… faccio fatica a ricordare quei momenti perché sono duri da digerire. Ogni tanto vado sul telefono e rivedo le foto di quando eravamo in campo e fuori, giusto per rivederlo ancora, è una mancanza troppo dura da accettare“.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(Sondaggio) Verso Cagliari-Samp, chi in attacco con Joao Pedro?

Ultimo commento: "Pavoletti al primo e keita secondo tempo"

Nandez e il suo ruolo, i lettori di CalcioCasteddu stanno con Mazzarri

Ultimo commento: "Pirola al Cagliari penso sia una mossa per prendersi Carboni a giugno. L'Inter ci aveva già provato e ora che lo vede crescere è pronta a ritentare...."

SONDAGGIO – Tre giorni di riposo per il Cagliari: giusto così o sarebbe stato meglio lavorare in vista della ripresa?

Ultimo commento: "Sarebbe interessante sapere quando hanno intenzione di lavorare!"

Riposo di tre giorni giusto? Per i lettori di CalcioCasteddu serviva subito il campo

Ultimo commento: "Ma riposarsi da cosa….???? se in campo non corrono neanche!!!! 2 settimane di ripetute mattina pomeriggio e sera….altro che riposo!"

(SONDAGGIO) Quale modulo è più adatto per questo nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Cragno, Ceppitelli Godin Carboni, Nandez Marin Strootman (Grassi) Dalbert, JoaoPedro, Keita, Pavoletti 3-4-1-2"
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Xche ci mettete in difficolta 2 canpioni in canpo e fuori. Forza Casteddu.mia Madre Cagleritana .Pandori Amelia.e mio Figlio direttore Sportivo..."

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Ultimo commento: "RIVA, ROMBO DI TUONO, è un mito ineguagliabile nella storia del calcio!"

Altro da News