Resta in contatto

Approfondimenti

Finalmente Sau! Contro tutto e tutti (tranne in quattro…)

Marco Sau ha spezzato ieri un digiuno che durava da oltre dieci mesi. Il gol alla Roma segna il riscatto contro tante difficoltà e la fine di un periodo nero.

BENTORNATO AL GOL. Finalmente, Marco Sau. Un nome che, nell’ultimo periodo, veniva associato a una strana sensazione. Quasi di stanchezza, verso un attaccante che ormai pareva in declino e che proprio non riusciva a recuperare lo smalto di un tempo. Ma niente, Sau proprio non ne voleva sapere di tirarsi su e, quasi fosse in uno stato di apatia, sembrava volersi lasciar trascinare da una corrente che lenta lo accompagnava alla fine della carriera.

PERIODO DIFFICILE. Il gol che mancava da dieci mesi. La fiducia dei tifosi ormai pressoché persa. L’ambiente che lo voleva ormai lontano da Cagliari, magari a Frosinone, da quel Capozucca che stravede per l’attaccante barbaricino. E ultima, ma pesante come un macigno, la vicenda che ha coinvolto il fratello, arrestato per una serie di reati qualche settimana fa. Un periodo nero per Sau. Che solo lui poteva far terminare, tornando a essere l’attaccante che era fino a due stagioni fa. E tornando, soprattutto, a segnare.

CHI NON LO HA MAI ABBANDONATO. Solo in quattro sono sempre stati dalla sua parte. Il Presidente Giulini, che non lo ha mai abbandonato, ma ha sempre voluto difenderlo contro tutto e tutti. Un rapporto speciale, quello tra il patron e l’attaccante. E una scommessa vinta, quella del numero uno del club rossoblù, che ha dimostrato che saper aspettare (anche quando sembra troppo…) a volte paga. Ma anche Maran, che ha sempre creduto in Sau e nelle sue qualità da giocatore e attaccante, come ha confessato anche ieri sera: “Volevo segnasse lui“. La squadra, che lo ha sempre difeso nei momenti difficili, compattandosi intorno a lui e abbracciandolo sempre come ha fatto anche nell’esultanza dopo il gol del 2-2 di ieri.

DAVIDE ASTORI. E in ultimo, ma non per importanza, Davide Astori. Un riferimento, un amico lontano per Marco Sau. Una presenza, distante, ma forte. Ed è stato a lui che ha pensato Pattolino dopo aver insaccato. A lui che ha dedicato il gol, una volta giunto davanti ai microfoni della stampa. Perché nonostante i mille momenti difficili, prima o poi le cose belle accadono. Ed è il percorso fatto per arrivare sino a lì, che le rende incredibilmente magiche. Bentornato, Sau.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "A questo punto bisognerebbe capire quanto vale il cagliari… fare una colletta e sbattere fuori i CONTINENTALI, presidente ,ds e giocatori che non..."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Se non si hanno giocatori di valore, può arrivare a che il più bravo degli allenatori ma non si possono avere prospettive di risalire in serie A...."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti