Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. Il Belgio regola 5-2 la Tunisia e centra gli ottavi

Imbattuta da 21 gare per la nazionale di Martinez arriva la vittoria numero 16 del 2018 seconda di fila a Russia 2018 in una sfida mai messa in discussione

Una doppietta di Hazard, una di Lukaku e il gol di Batshuayi nel finale per sistemare le cose contro la Tunisia, centrare la seconda vittoria in altrettante gare e legittimare le ambizioni di arrivare in fondo a Russia 2018. Questo è il Belgio rullo compressore al mondiale che, con il 5-2 i nordafricani nella seconda gara del Gruppo E, mette le cose in chiaro in attesa che l’Inghilterra giochi domani alle 14 italiane con Panama e poi fronteggiare la nazionale di Southgate per il primato, nel match in programma giovedì prossimo alle 20. Tunisia eliminata.

TRE GOL IN 18 MINUTI. 6’ e Hazard porta i suoi in vantaggio, grazie ad un rigore decretato dall’arbitro Marrufo (confortato dai colleghi del VAR) per fallo commesso da Ben Youssef ai danni proprio del numero 10 dei fiamminghi, il quale fa partire un destro a incrociare che si insacca, con il portiere dei nordafricani Ben Mustapha che accenna un movimento ma nulla può.

Solo una squadra in campo, ovvero quella di Martinez che continua ad attaccare e allunga sul 2-0 al 16’ con un gran gol di Lukaku, grazie al diagonale scagliato col sinistro, su assist di Mertens, che non lascia scampo al portiere avversario. Per il giocatore del Chelsea quarto gol in un mondiale, il terzo a Russia 2018 dopo la doppietta a Panama (lunedì) e una marcatura a Brasile 2014 contro gli USA.

Partita comunque avvincente e ricca di reti in apertura. Infatti, nonostante il doppio svantaggio,  la Tunisia gioca e riapre (18’) la sfida della Otkrytie Arena di Mosca, mettendo alle spalle di Courtois la sfera con perfetto colpo di testa sugli sviluppi di una punizione battuta da Khazri. Sfortunato l’autore del gol, costretto a uscire per infortunio al 24’ lasciando il posto a Naguez.

Al 20’ il Belgio sfiora il 3-1 sulla girata al volo di .Carrasco sul secondo palo su imbeccata di Mertens, Ben Mustapha è strepitoso  adire di no in respinta e respinge una pericolosa insidia. De Bruyne e compagni continuano a comandare il gioco, ma il gol realizzato vede in campo una Tunisia più decisa, che al 32’ per poco non pareggia per un’indecisione di Courtuis, che intercetta in due tempi  l’offensiva portata da Khazri con un potente destro  da fuori area.

SPETTACOLO LUKAKU A MOSCA. Il tecnico Maaloul deve operare un secondo cambio in 41’: infatti si infortuna un altro difensore (Ben Yousssef) e deve entrare Benalouane, in Italia con le maglie di Cesena , Parma e Fiorentina.  In pieno recupero invece altra opportunità sfumata per la terza rete, con Lukaku che manca la doppietta per un soffio su innescata di De Bruyne.

Ma la marcatura è solo rimandata di pochi secondi. Infatti il suo destro da punta vera, al termine di una bell’azione con assist di Meunier, si insacca sull’uscita alla disperata di Ben Mustapha. Non c’è neanche il tempo di rimettere la sfera a centrocampo, visto che Marrufo indica la via degli spogliatoi alle due squadre per l’intervallo.

POKER BELGA. Ormai fuori dal mondiale la Tunisia prova a proporsi ma si espone al contropiede del Belgio, che dopo una tentativo con De Bruyne, realizza il 4-1 al 7’ con Hazard autore come Lukaku, di una doppietta, proprio servito dal numero 7 del City di Guardiola.  Gara ormai terminata da tempo, che al 17’ per un soffio non vede il quinto gol della squadra di Martinez, col bellissimo destro a giro da lontano di  Carrasco, che termina al lato di un non nulla.

Sotto una pioggia battente europei ad un passo dal 5-1 al 32’, che non arriva per il salvataggio ad un passo dalla linea di Meriah sulla conclusione di sinistro di Batshuayi, che aveva superato Ben Mustapha.  Lo stesso numero 21 due minuti dopo centra la traversa a portiere battuto.  Dopo altri due tentativi falliti, alla fine Batshuayi insacca il 5-1, perfezionando con un sinistro al volo, l’imbeccata di Tielemans.

Prima del triplice fischio finale arriva il secondo gol tunisino. A realizzarlo al 3’ di recupero Khazri (migliore in campo per i tunisini) su passaggio di Naguez.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pavoletti, voglia di restare. Meglio lui di Lapadula e altri?

Ultimo commento: "forse gli anni passati, purtroppo dopo l'infortunio non la prende più manco di testa...in quel ruolo ben venga Lucca dal Pisa"

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "E aperto anche il master per come gestire una società di calcio il caso di studio che verrà analizzato è il cagliari calcio affrettatevi i posti..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Fidatevi di Capozucca..... è una che vede lontano!!!!"

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018