Resta in contatto

News

Lazio-Milan, semifinale di Coppa Italia infinita: rossoneri in finale solo ai rigori

Una doppia sfida interminabile tra Lazio e Milan. Alla fine sono i rossoneri ad andare in finale di Coppa Italia contro la Juventus (il 9 maggio) in questo stesso stadio Olimpico, dopo i rigori. 0-0 all’andata e 0-0 anche stasera dopo tempi regolamentari e supplementari. Decisivo il penalty (il quattordicesimo battuto) di Romagnoli. A inizio partita squadra di Inzaghi aggressiva, e al tiro dopo 6’: Assist di Lulic per Immobile, che ci prova di testa, Donnarumma ci deve mettere tanto impegno per alzare il pallone sopra la traversa. Neanche un minuto dopo il portiere rossonero dice no con i piedi al rasoterra di  Milinkovic-Savic, il quale al 18’scappa a Rodriguez, avanza e calcia con potenza, pallone fuori d’un soffio, quindi Suso calcia dalla distanza, Strakosha respinge sui piedi di Cutrone, però in fuorigioco e l’azione sfuma.

Minuto 27’: sulla punizione battuta da Calhanoglu,  Strakosha esce male e colpisce il compagno Caceres, il pallone arriva a Cutrone che non riesce a spingere la sfera con la porta completamente libera. Lazio che però va due volte ad un passo dal vantaggio: prima (34’) Donnarumma valuta male un lancio di Lucas Leiva per Immobile, che riesce a raggiungere il pallone e per poco non lo trasforma in gol da posizione defilata, quindi l’estremo difensore rossonero si riscatta opponendosi al  sinistro di Immobile, servito da un suntuoso colpo di tacco da parte di Luis Alberto.

Prima azione della ripresa dopo 11’: gran botta di Calabria sul filtrante di Suso, Strakosha si salva e salva i suoi dallo 0-1, respingendo con la gamba destra. Che errore Calhanoglu, che al 14’ riceve da Bonaventura e, anziché servire Cutrone davanti alla porta, effettua una conclusione che termina fuori. Nel finale attacca di più il Milan, ma non accade nulla e si va ai supplementari. Al minuto 8 del primo tempo grande deviazione in angolo di Strakosha sulla punizione velenosa battuta da Calhanoglu, concessa per fallo di Felipe Anderson su Biglia. Al 1’ del secondo tempo fondamentale intervento di Romagnoli che evita il gol, mandando in angolo la conclusione di Milinkovic-Savic, che aveva avuto la meglio su Bonucci. 7’: Parolo raccoglie la corta respinta di Calabria e calcia al volo, ma trova Biglia che manda la sfera in angolo. Prosegue il pressing dei biancocelesti per evitare i rigori, ormai prossimi. Destro di Immobile (12’) Calabria respinge e fa ripartire la sua squadra, che con Kalinic si divora il gol dell’accesso in finale. L’ex viola servito da Bonucci grazie sottoporta incredibilmente Strakosha,  Al 120’ esatto Rocchi decide che la sfida si deciderà dal dischetto.

Sequenza aperta dal gol di Immobile, con Donnarumma che intuisce ma non  blocca il potente tiro. Strakosha invece para il penalty a Rodriguez, Donnarumma fa lo stesso sulla battuta di Milinkovic-Savic, Altro errore dei rossoneri: Montolivo si fa ribattere la conclusione da Strakosha. E’ la serata dei portieri: Donnarumma ferma la conclusione di Lucas Leiva. Non sbaglia Bonaventura, lo stesso fa Parolo. Angolatissimo il rigore di Borini che insacca, così come non fallisce Felipe Anderson. Esecuzione perfetta anche di Bonucci e si va a oltranza con i tiri dal dischetto. Lulic spiazza Donnarumma, lo stesso fa Calhanoglu con Strakosha, Felipe calcia alto. Tocca a Romagnoli, che contro la squadra di cui è tifosissimo, non sbaglia bersaglio e manda il Milan (che in Coppa Italia continua a non subire gol) in finale contro la Juventus.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News