Resta in contatto

Approfondimenti

Ceter e i piedi di piombo: l’esordio difficile con la Primavera…

Piedi di piombo. Quelli che bisognerebbe usare nel descrivere la prestazione di Damir Ceter, sabato mattina impiegato con i giovani rossoblù della Primavera, contro la Ternana. Ma anche quelli che il colombiano, classe ’97, ha fatto vedere nella sua prima uscita in Sardegna. Macchinoso, pesante. Tanti controlli sbagliati e tante sponde non riuscite. Spesso spesato e fuori dal gioco. Di sicuro non è sembrato un giocatore di livello superiore a quelli in campo, anzi.

Tuttavia, dicevamo, bisognerebbe andarci cauti. Lui, Ceter, non ha colpe: dovrà crescere, e molto ancora. Ma è normale per un ragazzo di ventanni, specie considerando che non gioca da luglio per un problema al ginocchio. E che finora, nella sua breve carriere è sceso in campo solo – con tutto il rispetto – sui campi di calcio made in Colombia. E non si può non tener conto anche della naturale inesistenza di un’intesa con gli under 19 presenti in campo al suo fianco, visti i pochi allenamenti insieme.

Eppure qualche dubbio rimane. I mugugni ad Asseminello, sabato mattina, si sono fatti sentire. Il Cagliari Primavera non perdeva una partita proprio dall’ultimo match contro le Fere, un girone fa. Eppure la sconfitta è arrivata. E la prestazione, specie in fase offensiva, non è stata all’altezza. Ceter si è fatto vedere solo per qualche accelerazione palla al piede o per una buona protezione della palla in uno o due contrasti. Per il resto è apparso chiaro che il colombiano debba ancora pienamente adattarsi al calcio italiano.

Ed è solo per questo motivo che i dubbi rimangono: 3 milioni nel mercato invernale spesi per un giocatore tutto da fare (e solo dopo scoprire e valutare) sono davvero un investimento con più pro che contro? A gennaio, solitamente, si acquista per salvarsi.

Ma questa è un’altra storia. Ceter avrà altre occasioni per farsi vedere, sicuramente meglio di così.

 

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti