Resta in contatto

News

Sau: “Pensato all’addio al Cagliari? Sì e no. Poi ho scelto di restare”

Dalle lacrime al gol. Marco Sau, cinque mesi dopo l’ultima volta, domenica contro la Spal è tornato al gol, mettendosi alle spalle sfortuna e problemi fisici. E non ha più intenzione di fermarsi.

Ecco la prima parte dell’intervista al Corriere dello Sport, in cui il bomber di Tonara ha raccontato il periodo difficile vissuto prima del ritorno al gol.

Sono felice dopo il gol, anche perché alla vigilia del campionato pensavo che questo potesse essere l’anno buono per me. Ma poi non tutto è andato per il verso giusto. Avevo preparato tutto per il meglio, ma poi ho dovuto fare i conti con qualche acciacco che non mi ha permesso di fare quello che avrei voluto“.

Contro il Milan una grande delusione. È stata una giornata particolare. Ero carico perché tornavo titolare dopo mesi e la voglia era tanta. Fermarmi dopo venti minuti è stato molto brutto. Non ho pensato a uno stop lungo, avevo capito che era un problema muscolare. Ero più nervoso che preoccupato. Le lacrime? Mi ha fatto piacere sentire tutto quel calore da parte dei tifosi e dei compagni. È uno di quei momenti in cui capisci tante cose.

E pure la squadra non girava: “Quando i risultati non arrivano significa che qualcosa non va ma ora abbiamo finalmente trovato la strada giusta. Pensato all’addio al Cagliari? Sì e no. In quei frangenti pensi un po’ a tutto e a niente. Quando ti accorgi che tutto sembra girarti contro, allora fai mille pensieri e non sai quel è la scelta migliore che tu possa prendere. Però poi alla fine ha sempre prevalso la mia intenzione di stare qui“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da News