Resta in contatto

Approfondimenti

I 5 motivi per esonerare Rastelli

CalcioCasteddu.it vi propone un doppio approfondimento sulle motivazioni che spingerebbero all’esonero o alla conferma di Rastelli, sempre più sulla graticola dopo il passo falso casalingo contro il Genoa,

Ecco i 5 motivi per i quali la società dovrebbe esonerare Massimo Rastelli:

1.Il momento. Le tre sconfitte consecutive in casa contro dirette concorrenti (nell’ordine Sassuolo, Chievo e Genoa) sono inaccettabili e pesano ancor più delle quattro sconfitte consecutive totali (includendo anche il ko di Napoli). Gli esoneri negli ultimi tempi in Serie A (e ancor di più a Cagliari nell’era Cellino) sono arrivati anche per molto meno. Considerando poi il rendimento globale fin ora in campionato, vale a dire due sole vittorie contro Crotone e Spal e sei sconfitte (con zero pareggi), il Cagliari, che attualmente occupa il quattordicesimo posto in classifica e si trova a un solo punto dalle tre terz’ultime, comincia a rischiare seriamente di trovarsi in mezzo alla lotta retrocessione. E alla prossima c’è la Lazio all’Olimpico, pronta a migliorare il suo terzo posto.

2. Il rendimento dei giocatori. Cigarini, Pavoletti, van der Wiel, Andreolli: possibile che tutti coloro che arrivano, anche quelli dal passato glorioso (vedi l’ex Napoli e l’ex Fenerbahce), arrivati a Cagliari sembrano diventati giocatori mediocri? Per non parlare dell’involuzione dei tanti “veterani“: Farias, Joao Pedro, Ionita, Dessena e nelle ultime partite anche Pisacane. Possibile che il rendimento dipende da un sistema di gioco inadeguato per gli interpreti e da indicazioni tecniche poco funzionali? Chi è il responsabile se, parola di Rastelli, “il Cagliari sta giocando al di sotto delle proprie possibilità”?Un altro allenatore potrebbe migliorare la situazione?

3. Il gioco. Rastelli non ha mai dato al Cagliari un’identità di gioco. Poche idee in attacco e scarsa organizzazione difensiva (ecco le imbarcate della scorsa stagione) sono il limite più grande mostrato dalla guida del tecnico campano nelle due stagioni finora a Cagliari. I tifosi e l’ambiente probabilmente sanno di non poter arrivare all’Europa League o ad altro che sia una semplice salvezza. Vorrebbero solo il gioco e il divertimento allo stadio. Nulla di più. Ma fin ora questo non si è mai realizzato, se non in casi isolati.

4. L’assenza di crescita. Le difficoltà nel gioco e nell’organizzazione non sono però legate al momento. Sin dal campionato di B, la squadra, con Rastelli alla guida, ha proposto un gioco abbastanza sconnesso, a tratti casuale e che certamente non si può definire scintillante. E sono in tanti ad affermare che i risultati della promozione in A e della salvezza, ottenuti nei due anni a Cagliari, sono arrivati grazie alla qualità dell’organico: una corazzata in occasione della vittoria del campionato di B, i gol di Borriello nella prima stagione in A. Ma soprattutto non ha mai mostrato accenni di crescita, specie nel trovare continuità a prestazioni comunque dignitose (ultima quella con la Spal).

5. I tifosi. L’ambiente e in primis la tifoseria è ormai stufa della situazione. A chi avrebbe voluto l’esonero di Rastelli già alla fine del campionato di serie cadetta, a chi nel corso della passata stagione e a chi prima dell’inizio di questa, si è aggiunto chi davvero non riesce più a trovare argomenti per difendere l’operato del tecnico campano. Tutta la tifoseria (o quasi) concorda nel chiedere l’esonero di Rastelli, conscia che per il bene del Cagliari serva un tecnico che unisca e non che divida i tifosi con continue discussioni, in occasione di ogni prestazione opaca. Probabilmente la fiducia è davvero terminata.

27 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
27 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti