Resta in contatto

Approfondimenti

Come aiutare Pavoletti? Cambiando modulo

Il Cagliari ha perso fuori tempo massimo il suo terminale offensivo principale, Borriello, rimpiazzandolo a suon di milioni con Leonardo Pavoletti. I risultati poco soddisfacenti possono non avere come unica causa le condizioni fisiche dell’attaccante, perché i maggiori punti interrogativi risiedono altrove.

Contrariamente al suo predecessore Pavoletti è una punta dalla struttura fisica potente, fisiologicamente più statica e meno dotata dal punto di vista tecnico. Un centravanti d’area bravo di testa e capace di far salire la squadra, combattere “a sportellate” con i difensori avversari, calamitare i palloni cosiddetti sporchi. Va da sé che diventa necessario per Rastelli cambiare strategie offensive, per sfruttare di più le fasce e catapultare più palloni possibili davanti al portiere. Maggiore spinta dalle corsie esterne senza rinunciare agli equilibri difensivi… come fare? Puntando, perché no, sul 3-5-2: Pisacane, Romagna e Andreolli come trio difensivo, van der Wiel e Miangue sulle fasce con la mediana titolare invariata (Ionita, Cigarini, Barella), Pavoletti affiancato da un compagno a rotazione in base a esigenze/disponibilità. E João Pedro? Per non rinunciare a JP10 si potrebbe optare su un 3-5-1-1, anche in corsa, cambiando assetto sfruttando i vari interpreti offensivi. Cosa farà il Mister?

22 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti