Resta in contatto

News

Joao Pedro: “Cagliari è casa mia. Può essere il mio anno”

Il quinto moro, JP10, al secolo Joao Pedro. Brasiliano di nascita, sardo d’adozione: “Cagliari è casa mia. Ci sono ormai quattro anni e mi hanno accolto con affetto“.

Contro la Spal ha realizzato una magia: dribbling tutto genio e atletismo e poi fendente sotto al sette. Un gol alla Joao Pedro: “Un gran bel gol, da rivedere fino alla prossima partita. Ci avevo già provato contro Milan e Crotone, questa volta è andata bene e sono contento che sia arrivato in un momento importante in cui la Spal premeva per pareggiare“.

Una perla, una di quelle giocate che si vedono raramente e che testimoniano lo straordinario momento di forma del giocatore:”Stiamo lavorando bene per migliorare giorno per giorno. Tutti gli anni sono importanti ma questo può essere decisivo: sono sereno e motivato

Ma prima di tutto, da sardo doc, viene il Cagliari: “Sono contento non solo per il gol, ma perché dopo le due partite iniziali giocate bene senza fare punti ci potevano essere dei dubbi; invece queste due vittorie hanno spazzato via i dubbi“.

Joao Pedro, si legge tra le righe nelle parole rilasciate a L’Unione Sarda, è maturato, sa quando tenere un profilo basso e quando accendersi durante le partite, perchéha imparato a leggerle e interpretarle. Conosce il calcio, sa come trattare il pallone e sta cominciando anche a pensare da giocatore esperto, da leader: “Abbiamo anche avuto tante altre occasioni, a dimostrazione del livello di intesa che abbiamo raggiunto. Pavoletti è l’attaccante che ci serviva, perché favorisce il gioco della squadra: dispiace non abbia ancora segnato ma con lui davanti ci si muove alla perfezione“.

Ma Joao è già proiettato sulla prossima sfida: “Contro il Sassuolo sarà un’altra battaglia, ma vogliamo vincere ancora“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Joao Pedro deve restare

Ultimo commento: "IN TURCHIA RESTERÀ FERMO UN MESE PER STIRAMENTO, GRANDE FORTUNA DEL CAGLIARI PER LA SUA FUORIUSCITA."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News