Resta in contatto

Approfondimenti

Sardegna Arena e Is Arenas, due storie simili ma dal finale diverso

Ci siamo quasi. Manca ormai davvero poco all’accensione dei riflettori sul nuovo rettangolo di gioco della Sardegna Arena. Negli ultimi giorni, alcuni componenti della Commissione provinciale di Vigilanza hanno effettuato in via informale i primi sopralluoghi per passare, a partire da oggi, alle verifiche ufficiali che daranno poi i responsi definitivi.

L’esito delle verifiche di rito sembra essere praticamente scontato: il via libera definitivo all’uso dell’impianto non sarebbe infatti in discussione. Tutte le procedure sono state seguite alla lettera, grazie anche alla fattiva collaborazione tra la società del Cagliari e l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Massimo Zedda.

Tutto l’opposto, insomma, di quanto accadde per lo stadio Is Arenas di Quartu Sant’Elena, del quale la Sardegna Arena sarà la copia quasi perfetta. Quasi, anche perché questa volta non ci sarà il sonno dei fenicotteri da preservare, o le proteste degli ambientalisti da ascoltare. Uno stadio che, così come accaduto per la Sardegna Arena, fu completato a tempo di record ma che probabilmente non avrebbe mai dovuto vedere la luce.

Tra questione giudiziaria e vincoli insormontabili, quello che sarebbe stato il secondo stadio della regione non ha certamente avuto fortuna. Per farsi un’idea, basterebbe scorrere l’elenco di alcune delle cose che si sarebbero dovute fare per ottenere l’agognata agibilità definitiva: dai bagni riservati agli arbitri disabili, uomini e donne, al “sistema di contenimento di polvere, fango e pozzanghere dei camminamenti e dei parcheggi sterrati”. Dalla porta in vetro satinato tra la sala prelievi e l’infermeria, alla finestra di servizio nella sala conferenze. Per arrivare poi alla sostituzione dei cancelli a scorrimento verticale (già installati), con ante in apertura verso il campo.

Insomma, una serie di interventi e discussioni, che sembrava non dovesse avere mai un termine. La parola fine poi arrivò, ma non fu di certo quella auspicata.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ho visto quello che si poteva vedere,anche fuori.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Cellino non pagava le mazzette!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Occhio che le luci disturbano i piccioni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ma se il sardegna arena e’ is Arenas con un nome diverso..Come facevi ad avere 2 stadi?pur di fare polemica. …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

E con il Sardegna arena avevamo 2 stadi fantastici. Invece la politica come tutte le cose rovina tutto! Italia da serie C

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

L’avrebbero lasciato quello stadio x Quartu invece adesso è un immondezzaio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Dispiaciuto era un belio stadio.. Non doveva andare così.. ma è il passato ora ce la Sardegna Arena.. Forza Casteddu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Abbiamo aspettato almeno 5 anni! FINALMENTE!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Speriamo !!

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ancora con Cammarata? Basta! NON ha fatto niente di niente a Cagliari per essere menzionato. Riva merita Molto, ma Molto di più che Cammarata...."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Su Riva è stato detto e scritto di tutto. Giocatore Immenso ed unico. Ma il suo carisma lo si può riassumere col termine usato da..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Classe pura da grande campione, giocate stupende e professionalità indiscussa Uomo dai principi di vecchio stampo Grazie di tutto " PRINCIPE ", era..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "peccato che perdemo 4-2"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Nel '67 avevo nove anni, ma ricordo quando la formazione iniziava con: Colombo, Martiradonna, Tiddia ... ('64)"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti