Resta in contatto

Rubriche

Nelle cuffie di… Fabio Pisacane: samba, pop e il duo Baglioni-Morandi

In fondo è un ragazzo di trentuno anni, Fabio Pisacane. Nato a Napoli nel gennaio del 1986, cresciuto col mito di Maradona all’ombra del Vesuvio e col sogno di giocare in Serie A. Quel sogno Fabio Pisacane lo ha realizzato, lo scorso anno, con la ciliegina sulla torta: l’ultimo gol al Sant’Elia, al 93°, contro il Milan, per la vittoria finale dei rossoblù.

Ma non è stato facile, Pisacane ha lottato contro tutti: contro il calcioscommesse, che provò a contaminarlo all’epoca del Lumezzane, ma lui rifiutò e denunciò, meritandosi la stima e l’affetto di tutti, Fifa (di cui è ambasciatore) e Prandelli (allora CT) in primis; ma anche contro sé stesso e la sua sindrome di Giulian-Barrè, che fortunatamente sconfisse in giovane età nonostante difficoltà fisiche che lo portarono alla paralisi, al coma e solo in seguito a una lenta riabilitazione.

Una lunga gavetta insomma. Sul campo e nella vita. Ma ora Pisacane ha voglia di divertirsi e nelle sue cuffie, come si evince dal canale Spotify del Cagliari e dalla playlist a lui dedicata, passa il ritmo sudamericano di Chantaie (Shakira) e Deu Onda (MC G15) e la samba di Malandramente (Dennis Dj, Nego Bam e Nandinho). Insomma, Pisacane è uno a cui ballare spensierato piace davvero tanto: ecco allora il pop commerciale dei Maroon 5 con Don’t Wanna Know, The Chainsmokers con Closer e Justin Bieber featuring Dj Snake con la loro Let Me Love You; ma anche la dance un po’ più ricercata con la versione remix di Call on me (Ryan Riback) e Tango To Evora (Pink Noisy) e subito dopo il raggaeton di Ay Vamos (J Balvin).

Ma Fabio Pisacane in campo è un guerriero, un capitano. Coraggioso, come Baglioni e Morandi: “La vita è adesso” gli ricordano i cantautori ogni volta che lo scugnizzo napoletano ascolta la loro canzone. Ma Pisacane già lo sa. L’ha dimostrato nel suo passato. E ora lo dimostra in campo, con la maglia del Cagliari.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Rubriche