Resta in contatto

News

Via ufficiale al mercato. Quando Riva e Virdis…

Riva

Il 1° luglio, apertura ufficiale del calciomercato, è finalmente arrivato. Una storia fatta di voci, indiscrezioni, grandi colpi andati in porto e altri sfumati in extremis per i motivi più svariati. La Gazzetta dello Sport ci porta indietro nel tempo, quando i celebri rifiuti di due giocatori del Cagliari nei confronti della Juventus fecero storia.

Il leggendario Gigi Riva ha raccontato più volte, a metà tra il sentirsi lusingato e perseguitato, che in quasi tutti gli stadi d’Italia in cui andava a giocare trovava degli emissari di Giampiero Boniperti, braccio destro dell’avvocato Agnelli alla Juventus. Il bomber era il sogno proibito dei bianconeri, ma non cedette mai alle lusinghe – ricchissime – della Vecchia Signora, decidendo di non abbandonare quella terra sarda che l’aveva adottato umanamente e calcisticamente. Una scelta di vita, che tentò di difendere anche Pietro Paolo Virdis. L’attaccante di Sindia, nel campionato di B 1976-77 (il primo dopo il ritiro dello stesso Riva) fece mirabilie con la maglia del Cagliari. Non aveva ancora compiuto vent’anni e la Juventus lo chiamò. Ma Pietro si rifiutò, preferendo restare in Sardegna per riportare la squadra in A e stare vicino a madre e sorelle dopo la morte del papà. Un atteggiamento che non andò giù all’avvocato Gianni Agnelli, che scomodò proprio Riva per andare a convincere il ragazzo ed evitare questo cosiddetto “affronto”: come si permetteva di rifiutare il club più forte d’Italia? Alla fine i bianconeri vinsero le reticenze di Virdis e il ragazzo partì alla volta di Torino.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da News