Resta in contatto

News

Brady e quella domenica del maggio ’82

L’epilogo del campionato di Serie A 1981-82 fu drammatico: e il Cagliari fu tra i protagonisti principali dell’ultima giornata decisiva. Era il 16 maggio 1982, i destini di scudetto-salvezza si giocarono al Sant’Elia e al Comunale di Catanzaro. In quest’ultimo impianto scrisse una celebre pagina l’irlandese Liam Brady, come rievoca oggi il Corriere dello Sport.

Trentesima giornata. Cagliari-Fiorentina e Catanzaro-Juventus non sono gli unici incontri che contano, quel giorno. Ma su questi due campi si giocava soprattutto il tricolore. Al Sant’Elia i rossoblù non possono perdere per salvarsi dalla retrocessione, davanti hanno però la Fiorentina che si gioca lo scudetto: i viola sono appaiati alla Juventus a quota 44, con i bianconeri che invece si recano in Calabria contro una squadra priva di obiettivi. Il Cagliari resiste e beneficia di un contestatissimo gol annullato a Graziani per un fallo di Bertoni sul portiere rossoblù Corti. Passano i minuti, i gigliati non riescono a forzare il fortino sardo. Nel frattempo però la Juventus sull’altro campo passa sul 2-1 con un rigore – anche questo molto criticato – di Brady e si porta a casa lo scudetto numero venti. L’irlandese si congeda in grande stile, sapendo già di essere stato tagliato per gli acquisti di Platini e Boniek (all’epoca gli stranieri consentiti per squadra erano solo due). Il Cagliari si salva, Firenze sbraita per una ferita aperta ancora oggi.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News