Resta in contatto

Approfondimenti

27/6/1965, Riva primo rossoblù in azzurro

Riva

La macchina del tempo ci porta indietro di ben 52 anni. Un giovane attaccante mancino, con esperienza nella rappresentativa juniores, aveva appena segnato 9 reti nel suo primo campionato di Serie A. Talmente promettente da convincere il C.T. Edmondo Fabbri a convocarlo nella Nazionale maggiore. Il suo nome? Gigi Riva.

Non era mai stato chiamato prima un giocatore del Cagliari, in un periodo in cui la squadra azzurra contava su diversi elementi del Bologna e dell’Inter euromondiale. Quel ventenne partì dalla panchina, quel 27 giugno 1965 al Nepstadion di Budapest. Si giocava un’amichevole di fine stagione tra Ungheria e Italia. Il nostro dovette aspettare in realtà poco per entrare in campo, perché dopo 8 minuti si fece male Ezio Pascutti, formidabile ala sinistra del Bologna. Riva disputò gli 82 minuti rimanenti, in un attacco che poteva contare su campioni come Mora, Bulgarelli, Mazzola e Rivera. L’Italia purtroppo non riuscì ad evitare la sconfitta per 2-1. Quello fu il primo dei 42 gettoni azzurri di Riva, destinato nel quinquennio successivo a diventare uno dei più temuti attaccanti al mondo.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Approfondimenti