Resta in contatto

News

Aritzo, ultima seduta: Zappa a parte, Caligara assente

Questa mattina, allo Stadio del Vento di Aritzo, ultima seduta per il Cagliari prima dell’amichevole con l’Olbia e dell’arrivederci alla Barbagia

Il Cagliari ha effettuato l’ultimo allenamento della “tre giorni aritzese“, prima del test pomeridiano contro l’Olbia (17:30) che sancirà la chiusura del mini-ritiro.

Mister Semplici, esattamente come ieri, passeggia in lungo e in largo per il campo parlando allo smartphone. La squadra poi inizia a uscire dagli spogliatoi verso le 9:45, come di consueto i portieri Aresti, Cragno e Radunovic sono i primi a cominciare il lavoro. Bellissima giornata di sole ad Aritzo, davanti a più o meno 30 presenti.

La squadra si raduna nel cerchio di centrocampo, consueto torello di riscaldamento. Si nota l’assenza di Fabrizio Caligara: leggera tonsillite, il ragazzo è rimasto precauzionalmente in albergo. Dal lato panchine, Alessandro Tripaldelli lavora a parte in solitudine: Zappa staziona in piedi – in ciabatte – osservando i compagni tra i collaboratori di Semplici. L’esterno ex Pescara proseguirà le attività in piscina, per un affaticamento muscolare. Pavoletti indossa una fasciatura parziale al ginocchio sinistro.

Partitella consueta, stavolta a tutto campo, tra gialli e rossi.

Gialli: Radunovic; Altare, Ceppitelli, Obert; Deiola, Oliva, Strootman, Biancu, Dalbert; Pereiro; Ceter.

Rossi: Aresti; Walukiewicz, Carboni, Lykogiannis; Cavuoti, Marin, João Pedro, Tripaldelli; Simeone; Pavoletti, Cerri.

Dopo una parte iniziale dedicata allo sviluppo dell’azione in modo classico, spazio pure alle situazioni da calcio piazzato. I “lanciatori” sono spesso Oliva da destra e Lykogiannis dalla corsia opposta, presidiata da Semplici. Viene provato Marin come esecutore di calci di punizione dal limite, posizione centrale: Radunovic è bravissimo a toglierne una dal “sette”. Poi tentativi dal dischetto: Pereiro 2 gol, tentativo di Oliva parato da Radunovic, João Pedro gol, Simeone alto, Strootman gol.

Una sparuta delegazione di sfegatati tifosi rossoblù (quattro in tutto) intona un coro per la squadra, Lykogiannis – sorpreso – approva divertito. L’invito rivolto da loro a Cragno – “Alessio, pagaci una birra!” – mentre il portiere è al lavoro con il preparatore Bressan, risuona clamorosamente nel silenzio del piccolo impianto aritzese e cade nel vuoto con un po’ di imbarazzo. Raccontare il calcio è anche questo!

Il gruppo si avvia a concludere la seduta, restano ancora per qualche minuto il citato Cragno (prima a terra tra i cinesini e poi in porta, ultimo a lasciare il campo) e sei tiratori per la “crossbar challenge“: Marin, João Pedro, Dalbert, Deiola, Obert e Carboni. Una competizione divertente, in cui il brasiliano ha recitato il ruolo di recuperatore di palloni per i tentativi dei compagni.

Si segnala il prossimo arrivo ad Aritzo del direttore generale Mario Passetti e del direttore sportivo Stefano Capozucca, insieme al coordinatore dell’area scouting Andrea Cossu e del segretario sportivo Matteo Stagno.

Dal nostro inviato ad Aritzo Fabio Ornano

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News