Resta in contatto

News

Coronavirus, Draghi: “Dal 26 aprile ritorna la zona gialla”. Sardegna rossa almeno un’altra settimana

Il Gimbe comunica che l’Isola al 13 aprile, ha registrato un +2,9% di casi. Terapie intensive sotto la soglia critica

Si può guardare al futuro con un prudente ottimismo e con fiducia. Lo ha affermato, in un’apposita conferenza stampa, il presidente del Consiglio Mario Draghi al termine di una cabina di regia che è durata due ore e mezza e che è servita per un confronto sulla strategia di riaperture. “Sono tre i blocchi di provvedimenti: uno riguarda le aperture, uno riguarda lo scostamento di bilancio e il Def, uno riguarda le opere messe in cantiere. Le riaperture si anticipano al 26 aprile, con l’introduzione della zona gialla, con un cambiamento rispetto al passato: si dà precedenza alle attività all’aperto e alle scuole. Quindi ristorazione a pranzo e a cena all’aperto e presenza a scuola al 100%. Oggi il Governo ha preso un rischio, un rischio ragionato, fondato sui dati, che sono in miglioramento. Questo rischio che abbiamo preso e che sicuramente incontra le aspettative dei cittadini però si fonda su una premessa, che quei provvedimenti che governano il comportamento nelle attività riaperte siano osservati scrupolosamente”. Infine, secondo Draghi alla base di questa decisione il fatto che “la campagna di vaccinazione continua ad andare bene, con tante sorprese negative ma anche positive”. 

CALENDARIO RIAPERTURE.  Le piscine riaccoglieranno le persone dal 15 maggio, con una distanza di 7 metri una dall’altra, le palestre per gli sport non di contatto dal primo giugno, mentre (sempre contingentate) si potranno di nuovo fare fiere e organizzare spettacoli e concerti,  ma dal primo luglio.

I DATI ODIERNI IN SARDEGNA. A stasera sono saliti a 50.872 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 348 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 1.117.735 tamponi, per un incremento complessivo di 4.357 test rispetto al dato precedente. Si registrano anche 5 nuovi decessi (1.307 in tutto). 359 le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 57 (in aumento di 3 unità) quelli in terapia intensiva. 17.325 sono in isolamento domiciliare, i guariti sono invece complessivamente 31.817 (+237) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 7. Sul territorio, dei 50.872 casi positivi complessivamente accertati, 13.128 (+156) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 7.733 (+38) nel Sud Sardegna, 4.383 (+24) a Oristano, 10.066 (+55) a Nuoro, 15.562 (+75) a Sassari.

ITALIA. 15.943 i nuovi casi resi noti oggi. Sale così ad almeno 3.842.079 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 429, per un totale di 116.366 vittime da febbraio 2020. Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 3.218.975 e 18.779 quelle uscite oggi dall’incubo Covid. Gli attuali positivi (i soggetti che hanno il virus) risultano essere in tutto 506.738, pari a –3.285 rispetto a ieri, in flessione dal 6 aprile.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News