Resta in contatto

Approfondimenti

Una terra, un popolo, una squadra. Ma la squadra dov’è?

Il Cagliari precipita verso la Serie B senza quasi opporre resistenza. È tutto perduto? Forse. Ma non deve essere lasciato nulla di intentato

È lo slogan coniato dalla gestione Giulini al suo ingresso in rossoblù. Una terra, un popolo, una squadra. Avrebbe dovuto rimarcare, semmai ce ne fosse bisogno, che il Cagliari non è la squadra di una città, ma di una comunità molto più vasta. Un popolo che va oltre i confini territoriali della regione sarda, sparso in ogni parte del mondo. La squadra rossoblù ha assunto nel tempo la capacità di tenere uniti, nel bene e nel male. L’amore per la squadra è sempre stato molto forte. Ma quello stesso amore va meritato, e ciò che sta accadendo in questo campionato è tutto tranne che meritorio di affetto e supporto.

La squadra è incapace di reagire alle avversità, fragile mentalmente, e che si sfalda al primo vero ostacolo. I problemi della stagione sono ben noti: dalla scelta dell’allenatore (Di Francesco), alla costruzione di una rosa deficitaria in alcuni reparti, a un mercato di gennaio incomprensibile (che se possibile ha peggiorato la situazione), per arrivare poi alla scelta di un nuovo tecnico (Semplici), attraverso una decisione incredibilmente tardiva.

Tutte situazioni che giustificano molto dei risultati impietosi del campo, ma non tutti. Non è infatti giustificabile l’assenza totale di orgoglio. Questa squadra ne è gravemente carente. Senza, è già retrocessa, soprattutto nell’anima. Quello slogan, Una terra, un popolo, una squadra, aveva un senso. Quel senso ora è sospeso. E il silenzio del presidente non aiuta: bisogna riaccendere gli animi, sfidare il destino, alzare la voce. Il pubblico non può farlo. Dimostri, questo gruppo di giocatori, che il fuoco non è ancora spento. La Serie A non è ancora svanita.

137 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
137 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pavoletti, voglia di restare. Meglio lui di Lapadula e altri?

Ultimo commento: "Pavoletti se non succedono altri terremoti in casa Cagliari... Ci riporterà in serie a e segnerà 18-20 gol"

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "E aperto anche il master per come gestire una società di calcio il caso di studio che verrà analizzato è il cagliari calcio affrettatevi i posti..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Fidatevi di Capozucca..... è una che vede lontano!!!!"

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti