Resta in contatto

News

US – Capozucca 2: “Semplici ok, João Pedro come un figlio”

L’attuale ds rossoblù è tornato anche sul suo addio al Cagliari: “Non mi piace parlare del passato, sapevo che sarei tornato”

Stefano Capozucca, già direttore sportivo del Cagliari dal 2015 al 2017, è tornato in Sardegna a fine febbraio per portare tutta la sua esperienza al servizio del presidente Giulini. Intercettato da L’Unione Sarda, l’ex dirigente del Genoa ha trattato diversi temi.

GODIN.È un ragazzo di grandi valori umani, oltre che tecnici. E con un chiodo fisso in testa: la salvezza del Cagliari. Joao Pedro? Joao è come un figlio per me. Quando arrivai a Cagliari la prima volta lui stava per andar via e feci di tutto per trattenerlo. Ormai ha il Cagliari dentro e i suoi gol saranno decisivi, come quelli di Simeone, Pavoletti e Cerri“.

IL CAGLIARI DI DIFRA.La classifica difficilmente mente. Forse è mancato, però, anche quel pizzico di fortuna. Vedi la gara col Sassuolo, ma anche quella col Torino“.

FORZA SEMPLICI.Non nego che abbiamo valutato diversi profili. Ma alla fine abbiamo puntato sulla persona che aveva le caratteristiche, la voglia e la serenità per inseguire il nostro obiettivo. Il cognome lo rappresenta alla perfezione. Una persona semplice. Ho legato sia con lui che con il suo staff, molto competente, tra l’altro“.

CAPOZUCCA E IL CAGLIARI.Non mi piace tornare sul mio addio. Di sicuro, non ho avuto litigi con nessuno, tanto meno col presidente. Questo ci tengo a precisarlo. È stato per me doloroso, è vero. Ma sapevo che prima o poi sarei tornato. Ho ritrovato un ambiente straordinario. Qui ti senti in famiglia. Una famiglia di professionisti. Ovunque ti giri ci sono persone serie, vere, con valori umani importanti. Ognuno spinge per uscire da questa situazione, dall’amministratore delegato al direttore generale a tutti i dipendenti. L’altro giorno abbiamo fatto un pranzo insieme qui ad Asseminello e lo si leggeva negli occhi di tutti che dobbiamo restare in Serie A. Anche per loro dobbiamo sputare sangue in campo. Anche per loro dobbiamo salvarci. E ci salveremo“.

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News