cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Serie A. Impresa Parma: Roma ko 2-0 al Tardini, l’Inter vince a fatica 2-1 in casa del Torino

Un perfetto colpo di testa di Martinez a 5’ dalla fine regala il successo ai nerazzurri. Mihaila e Hernani castigano i giallorossi

Iniziata venerdì con i primi due anticipi Lazio-Crotone e Atalanta-Spezia, proseguita ieri con altre tre gare, la giornata numero 27 della Serie A 2020/2021 ha visto giocarsi alle 12.30 Bologna-Sampdoria e alle 15 altre due contese, in attesa dei due posticipi. Ecco come sono terminate:

TORINO-INTER. All’Olimpico Grande Torino la capolista subito vicina alla rete in apertura di contesa. Al 4’ Martinez non batte Sirigu di testa sul pallone servito da Peresic, quindi 3’ dopo l’argentino si avventa su un pallone mal gestito dalla difesa granata, Lyanco ci mette una pezza ed evita la rete. Al 16’, sull’angolo di Brozovic, altra chance per il gol mancata stavolta da De Vrij. Improvvisa fiammata granata al 29’, con palo di Lyanco, perso da Bastoni, poi Lukaku riesce allontana la palla davanti ad Handanovic, che poi dice no (33’) a Verdi. Meglio i padroni di casa nella seconda parte di un primo tempo a tratti noioso.

Skriniar di testa, manda di poco fuori al 2’ della ripresa. Stellini, che sostituisce nel ruolo di capo allenatore Conte squalificato, cerca di cambiare il corso della partita, facendo entrare al 10’ Young e Erksen che (con una sua giocata) obbliga Izzo al fallo su Martinez. Dagli undici metri (17’)  Lukaku segna con un interno piede che spiazza Sirigu, bravo però al 19’ nel salvare il 2-0 con un grande intervento sulla botta di Hakimi, anticipando anche Vojvoda. Al 24’ pareggia Sanabria, tra le proteste nerazzurra per una spinta vistosa di Bremer, ma per Valeri gol regolare e gara sull’1-1. Attacca, ma lo fa in modo confuso la prima della classe alla ricerca del raddoppio, assediando la porta dei piemontesi, segnando al 40 in modo spettacolare con una zuccata di Martinez sulla gran palla fatta arrivare da Sanchez.  Izzo vicino al 2-2 al 48′.

PARMA-ROMA 2-0. D’Aversa, che deve fare a meno anche dell’ex Gervinho, è alle prese con una formazione d’emergenza al cospetto di una squadra gasata dalla recente vittoria in Europa League, che (sulla dormita della difesa) sfiora la marcatura con Dzeko al 5’, ma la rimedia quattro minuti dopo con Mihaila che, sull’imbeccata di Man, supera Pau Lopez. Ottenuto il vantaggio la squadra di casa si difende, e lo fa con ordine, nonostante l’assalto degli avversari vicini al pareggio al 26’ e al 28’, ma che trovano in Sepe un baluardo in entrambi i casi su Pellegrini. Fino al fischio che porta all’intervallo dopo 1’ di recupero, da parte di Piccinini di Forlì, non accade nulla di rilevante.

Al 5’ della ripresa Man si presenta davanti al portiere avversario, che lo ipnotizza e gli impedisce di segnare il 2-0. Che arriva al 10’ su rigore, concesso per fallo di Pellè su Ibanez, e siglato da Hernani. La rabbia di Fonseca per il doppio passivo subito, si riversa sui cambi: fuori Kumbulla, Pedro e Peres, dentro Cristante, Perez e Reynolds. La Roma attacca ma più di qualche angolo non produce verso la porta avversaria, se non il tiro di Perez (34’) che trova l’ottima opposizione di Sepe.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Oltre a Empoli-Cagliari altri tre scontri diretti salvezza: Udinese-Salernitana, Hellas Verona-Sassuolo e Frosinone-Lecce...
Nella gara delle ore 18 all'Olimpico Grande Torino, granata sconfitti dall'Inter: i nerazzurri passano tre...

I granata creano tanto, protestano per un clamoroso rigore non concesso a Belotti dal Var...

Dal Network

Lavoro parziale con la squadra per Milik. Solo personalizzato per Szczesny ...
Un altro indizio con Adriano Galliani protagonista, il futuro del Club si sta delineando sempre...

Altre notizie

Calcio Casteddu