Resta in contatto

Approfondimenti

Come cambia il Cagliari con Nainggolan (e senza Rog)

L’infortunio del croato e il ritorno del belga indonesiano modificheranno giocoforza la fisionomia del centrocampo rossoblù. Vediamo quali potrebbero essere le possibili opzioni

L’ultima tegola del 2020, ma anche uno spiraglio positivo per il nuovo anno che sta per iniziare. Il grave infortunio subito da Marko Rog è solo l’ultima delle sventure di questo sciagurato anno del Cagliari. Un centenario mai festeggiato, un campionato partito con grande entusiasmo ma finito nell’anonimato, e un altro che rischia di fare altrettanto.

Per fortuna l’anno solare è ormai agli sgoccioli, e l’anno nuovo si apre finalmente con una bella notizia per i tifosi rossoblù: il ritorno (il terzo) in Sardegna di Radja Nainggolan. Accordo fatto con l’Inter, così pure le visite mediche a Villa Stuart, e prestito secco con la speranza di parlare a giugno di un definitivo trasferimento. Per l’ufficialità manca soltanto l’apertura della finestra di mercato (4 gennaio), ma si tratta di un affare bello che concluso.

Ora la palla passa al tecnico rossoblù Eusebio Di Francesco, che dovrà trovare la giusta collocazione in campo al Ninja. Sulla carta si tratta di un’operazione quasi automatica, considerato l’infortunio e l’assenza fino al termine della stagione del centrocampista croato. Nainggolan però si presta a diversi ruoli in campo, alcuni dei quali più funzionali di altri.

Quali potranno essere dunque le scelte del mister rossoblù? La prima opzione, si diceva, è la sostituzione di Rog, con l’affiancamento a Marin del belga indonesiano, mantenendo dunque il modulo 4-2-3-1. Un’altra possibilità può essere quella di predisporre un centrocampo a tre, con Marin in cabina di regia e al suo fianco proprio Nainggolan e Nandez, con Joao Pedro sulla trequarti dietro due punte che potrebbero essere Pavoletti e Simeone. Ancora: il quasi ex interista sulla trequarti, dietro le due punte, oppure uno schieramento col doppio trequartista (Joao Pedro e Nainggolan), dietro l’unica punta da scegliere tra il bomber livornese e il Cholito.

Le alternative dunque non mancano: resta da capire soltanto quale può essere quella migliore per la squadra, e che porti finalmente a trovare una quadra che ancora, dopo quattordici gare di campionato, non è stata individuata.

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti