Resta in contatto

News

Riva-De André, incontro tra totem in una sera genovese

Il Fatto Quotidiano ricorda il primo incontro tra Gigi Riva e Fabrizio De André, dopo un Sampdoria-Cagliari del 1969. L’inizio di una lunga ed inaspettata amicizia, tra personalità profonde

PAREGGIO. Il Cagliari era reduce dal secondo posto in Serie A, miglior risultato della sua storia calcistica. L’ingresso nell’élite del calcio italiano era stato così timbrato, sulla spinta delle reti del cannoniere della Nazionale Gigi Riva. Il bomber, in occasione di un Sampdoria-Cagliari disputata a Marassi il 24 settembre 1969, non riuscì a trovare la via della rete: finì 0-0. I sardi in quell’annata si giocavano tanto, anche se nessuno avrebbe immaginato il successivo 12 aprile…

INCONTRO. Dopo la partita, Riva era abbastanza contrariato. Ormai il gol da lui – e quasi glielo si pretendeva – era atteso in modo spasmodico. Perché come aveva dichiarato alla Rai, “il gol è ciò che ti fa passare bene la settimana successiva“: mica sciocchezze, signore e signori. Non restava che consolarsi in altro modo, quel giorno. A fine gara, l’amico Beppe Ferrero gli propose un incontro inusuale. Lo portò a conoscere il cantautore genovese Fabrizio De André, dei cui dischi Riva era appassionato. Ci volle un bel po’ a rompere il ghiaccio, tra personalità taciturne e profonde. Sigarette e whisky contribuirono all’inizio, quella sera, di un’amicizia inattesa e forte che si concluse solo con la prematura scomparsa dell’artista nel 1999.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Dite il caxxo che vi pare a me della vostra opinione non conta un caxxo siete solo delle pecore senza orgoglio ne dignità, divertitebi a farvelo..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News