Resta in contatto

News

Suazo: “Zenga, percorso duro ma che vale. L’allenatore del cuore? Senza dubbio Sonetti”

L’ex attaccante del Cagliari parla dei suoi trascorsi in rossoblù, ma anche della situazione della squadra attuale. Con un ricordo particolare per un suo vecchio allenatore

Recordman rossoblù. David Suazo si racconta ai microfoni di Radiolina: impossibile non partire da quei 22 gol.

“Un record che ancora mi inorgoglisce”, ammette Suazo, “fa piacere essere ricordato anche quando non sei più un giocatore. Il gol più bello? Ricordo con molto piacere quello contro il Palermo, dopo aver fatto tutto il campo. Davvero una gran cosa. Chi mi ha fatto più assist? Tra Esposito e Zola se la giocano, da loro ho certamente ricevuto i maggiori suggerimenti. La Sardegna? Dopo 21 anni sono ancora qua, l’affetto è tanto per questa terra, in tanti siamo voluti rimanere. Il mio percorso per arrivare a Cagliari? Non è stato facile arrivare dall’Honduras in Italia, non sapevo cosa fosse l’aspetto tattico, ho dovuto imparare tante cose. Il contratto di cinque anni ha significato molto per me, la fiducia era tanta, soprattutto del presidente Cellino. Non dimentico neanche l’enorme lavoro fatto con me dal mister Salvori. Ho avuto poi la fortuna di avere come capitano gente del calibro di Matteo Villa e dirigenti come Gianfranco Matteoli: da loro ho avuto modo di imparare tanto. I giovani in prima squadra? Carboni, Ladinetti e altri li ho avuti con me nelle giovanili: fa piacere vederli ora esordire con la squadra maggiore. Cosa è mancato a Victor Ibarbo? È difficile dirlo, quando arrivò a Cagliari era certamente più preparato di me agli esordi, probabilmente è cresciuto poco per quello che chiedeva il calcio italiano. Facendo pochi gol, è stato limitante. Può essere colpa sua, o forse di chi non lo ha spinto a migliorare. Zenga? Il percorso del mister è stato difficile, si è trovato a rimettere in piedi una squadra che si era persa, con tante defezioni. Il fatto comunque che abbia proposto i giovani nell’undici titolare va a suo totale merito. L’allenatore che mi ha dato di più? Sono tanti, ma quello a cui sono rimasto più legato è Nedo Sonetti, per me ha significato molto. Mi è rimasto nel cuore”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pavoletti, voglia di restare. Meglio lui di Lapadula e altri?

Ultimo commento: "Pavo è un ottimo attaccante e sta recuperando la condizione, certo , va impiegato diversamente da come fatti nell'ultimo anno, ma è ancora un..."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "E aperto anche il master per come gestire una società di calcio il caso di studio che verrà analizzato è il cagliari calcio affrettatevi i posti..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Fidatevi di Capozucca..... è una che vede lontano!!!!"

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "diciamo che può tornare utile come riserva"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News