Resta in contatto

News

Posticipo Serie A. Pioli debutta in panchina con un pareggio: Milan-Lecce finisce 2-2

I rossoneri hanno fatto vedere sprazzi di bel gioco che sembrava essere dimenticato. Strepitosa partita di Calhanoglu autore di un gol e giocate

Il cambio in panchina Giampaolo-Pioli ha portato ad un pareggio, ma finalmente anche un gioco da applausi specie nel primo tempo mai visto in stagione. A San Siro un Lecce volenteroso ferma i rossoneri sul 2-2. Il Milan crea una prima palla gol già al 2’ con  Leao che prova senza riuscirci a battere con un diagonale rasoterra Gabriel, ma arriva la respinta. Sulla ribattuta Paquetà manda la sfera di poco alto. 11’: Suso innesca con una verticalizzazione in area Calhanoglu, botta di prima intenzione e pallone che sfiora il palo alla destra del portiere dei salentini, graziato al 13’ dal destro violento del turco che sfiora la traversa.

CALHANOGLU. Il suo gol è solo questione di minuti e giunge al 20’ sul suggerimento di Biglia: stop e micidiale diagonale destro a mezza altezza che non lascia scampo a Gabriel, che non copre il suo palo e rimedia qualche responsabilità. In vantaggio l’undici di casa prosegue a fare gioco e sfiora il 2-0 con Suso al 29’ . In difficoltà la compagine di Liverani, che si sgola invano con i suoi.

PARI LECCE POI PIATEK. Farias prende il posto ad inizio ripresa di Falco, facendosi vedere con un tiro da circa 25 metri al 6’, debole e troppo centrale. 11’: contatto in area Biglia-Mancosu, l’arbitro Pasqua fa proseguire supportato da Pairetto al VAR. un minuto Leao va vicino al 2-0. Braccio largo di Conti in area (14’) e rigore per il Lecce, dopo la visualizzazione delle immagini. Dal dischetto al 16’ Babacar si fa ribattere il tiro da Donnarumma, che nulla può quando l’ex Sassuolo e Fiorentina riagguanta la sfera e la insacca con il sinistro.

CALDERONI. Al 27’ Calhanoglu ha l’opportunità di riportare avanti il Milan nel punteggio, ma il suo tiro  di prima intenzione dal limite dell’area esce di poco, alla sinistra di Gabriel. Pioli inserisce Piatek (22’) mentre Pasqua espelle Liverani al 34’, reo di aver detto qualche frase di troppo. A 10’ dalla fine realizza il polacco, che torna al gol dopo un momento difficile. Un gol di una pesantezza incalcolabile, nato da una suntuosa giocata di Calhanoglu. Sei i minuti di recupero concessi dal direttore di gara, parsi eccessivi, nel secondo dei quali Calderoni batte Donnarumma con un gran siluro col destro di collo pieno, per il 2-2 finale.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "ha solo seguito gli ordini del presidente: RETROCEDERE"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News