Resta in contatto

News

Il nuovo, vecchio Agostini: “Cagliari, per te do tutto”

Prima in campo, ora con la Primavera: Alessandro Agostini è vice di Max Canzi e collabora con Conti e Cossu, come ai vecchi tempi. “Il presidente ci ha riuniti, non è stato un caso. Quei colori ce li portavamo a casa”.

SECONDA GIOVINEZZA. Dalla fascia sinistra alla panchina. Ma non per riposarsi, quello Ago non l’ha mai fatto. Ma per insegnare come si fa, trasmettere il calcio e i suoi valori. Alessandro Agostini, dopo la parentesi come collaboratore di Diego López in prima squadra, è vice di Max Canzi con la Primavera: “Quando ho smesso di giocare, dissi che non avrei mai allenato. Invece, con questi ragazzi, ho trovato la mia dimensione. A volte il calcio manca, ma con loro rivivo sensazioni uniche. E questo mi fa stare bene” – ha rivelato ai microfoni de L’Unione Sarda.

LA FASCIA ABBANDONATA. Il Cagliari dopo di lui ha sofferto nella corsia mancina: ci avevano provato con Murru (su cui Agostini afferma: “Nicola è un ottimo interprete, mi è sempre piaciuto e ha le caratteristiche giuste“) ma si è ripiegato sui vari Miangue prima, Lykogiannis poi, Padoin in caso di emergenza e, con un barlume di speranza, ora è il turno di Pellegrini.

NUOVA VITA. Ago, invece, nel suo nuovo ruolo si trova benissimo: “Tornare con questo ruolo è la cosa più bella che potesse capitarmi. Non smetterò di ringraziare il presidente Giulini per avermi dato questa possibilità, sono contento che lui apprezzi questi valori. Ogni volta, con Daniele e Andrea (Conti e Cossu) riviviamo un film che ci regala sempre grandi emozioni“.

BANDIERE. Già, perché il regalo più bello è poter tornare a lottare – pardon, “lavorare” – fianco a fianco con i compagni di una vita. Agostini, Conti e Cossu, come ai vecchi tempi: “Non è stato un caso se il presidente ci ha riuniti. Abbiamo sempre dato tutto per il Cagliari, quei colori ce li portavamo a casa. E l’amore si trasmette con i fatti. Come la dedizione dello staff: Canzi e io, ma anche Marfella, Bressan e Caligara. E c’è Conti, mio fratello, che sta lì con noi tutti i giorni. Il Cagliari è tutto. Non è un pensiero, è molto di più”.

PRIMAVERA. E quanto soddisfazioni con la Primavera: “Canzi mi dà sempre molto spazio e non tutti gli allenatori lo fanno. E ci stiamo togliendo qualche soddisfazione. Quando un giocatore come Simone (Padoin ha ringraziato i ragazzi della Primavera per aver partecipato con professionalità agli allenamenti della prima squadra, decimata dagli infortuni, ndr) dà questi meriti, vieni ripagato per l’impegno che ci metti”.

PROMESSE E REALTÀ. “Ci sono tre ragazzi che lavorano spesso con i “grandi”, Doratiotto, Verde e Lella. Ma ce ne sono altri che meritano. E sono consapevoli di poter centrare grandi obiettiviHo vissuto anche un’altra gestione, ora nel settore giovanile siamo su un altro pianeta. C’è più considerazione, più organizzazione e la società mette a disposizione ogni strumento per crescere”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News