Resta in contatto

News

Fascetti, 80 anni e non sentirli: “Barella? Fossi in Mancini…”

L’ex allenatore viareggino festeggia oggi un compleanno importante. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, parla a ruota libera del calcio italiano

PROVINCIA. Eugenio Fascetti, nato a Viareggio il 23 ottobre 1938, è stato uno dei tecnici protagonisti del calcio italiano tra la fine degli anni Ottanta e il decennio successivo. La sua parentesi più felice, per cui viene ancora oggi maggiormente ricordato, è stata in Puglia sulle panchine di Lecce e Bari: oltre a ben figurare nel massimo campionato, lanciò diversi giocatori. Tra cui i nazionali Antonio Conte, Francesco Moriero e Antonio Cassano.

OGGI. La sua figura, nel calcio di oggi, starebbe ancora benissimo. Un personaggio senza compromessi, senza peli sulla lingua, che ha forse pagato per questa peculiarità senza arrivare a palcoscenici più prestigiosi. Il pallone ammirato tra i piedi del grande Valentino Mazzola, l’Ungheria di Puskas e Hidegkuti, Julinho e Schiaffino. La Storia, con la S maiuscola. Tra tutte le considerazioni che Fascetti fa sul calcio di ieri e oggi, cita il talento del Cagliari da poco entrato nel giro azzurro: “Barella? Fossi in Mancini me lo terrei stretto“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News