Resta in contatto

Russia 2018

Mondiale. Svezia padrona del Gruppo F, Germania eliminata!

Alla Kazan Arena 3-0 degli scandinavi sul Messico che passa agli ottavi da seconda mentre la Corea del Sud batte i tedeschi campioni del mondo nel finale

Un gol prima annullato, poi concesso giustamente dal VAR segnato da Kim regala una serata da sogno alla Corea del Sud, che batte 2-0 la Germania detentrice del titolo, che lascia il mondiale al primo turno della fase finale. Al 6’ di recupero apoteosi asiatica con il raddoppio siglato da Son.

PRIMO TEMPO EQUILIBRATO. Certamente tedeschi più attivi a inizio gara, ma prima palla gol per gli asiatici al 19’ sulla punizione  Woo Young Jung che impegna e mette in difficoltà Neuer, il quale dopo una prima deviazione salva ancora anticipando Son. Il quale fallisce la rete al 25’ quando si ritrova il pallone sul destro dopo una prima respinta tedesca, ma calcia al volo alzando però troppo la mira e graziando i tedeschi.

Che al 39’sciupano una doppia opportunità davanti alla porta difesa da Jo. Prima Werner trova la provvidenziale deviazione in angolo, quindi lo stesso attaccante innesca Hummels, il quale fa fuori due avversari ma si fa parare la conclusione dal portiere avversario.

Occasioni tedesche anche a inizio ripresa. Al 2’ colpo di testa di Goretzka che Jo si supera togliendo dalla porta con una splendida parata in tuffo, mentre quattro minuti dopo Ozil pennella Werner, botta al volo con l’esterno destro, gol sfiorato.   Al 19’  ancora una conclusione col destro di Werner, palla di poco sul fondo. Due minuti dopo la Corea del Sud fallisce il vantaggio che avrebbe messo probabilmente in ginocchio i campioni del mondo con Moon che, davanti alla porta insiste con le finte, perde tempo e pallone, Hummels libera il pericolo.

Altro brivido tedesco al 34’, quando Son fa partire la conclusione che termina di poco fuori, con Neuer che si distende per evitare guai maggiori. Al 42’ Hummels manda incredibilmente fuori, per la disperazione sua, della squadra e dei tifosi tedeschi, la palla che avrebbe significato ottavi.  Ben sei i minuti concessi dall’arbitro, nel primo dei quali Kim realizza l’1-0 e al 7’ il raddoppio con Son partito dalla metà campo per battere  il  portiere tedesco. Germania a casa.

MESSICO-SVEZIA 0-3. Alla Tsentralnyi Yekaterinburg la nazionale scandinava subito pericolosa (2’) davanti alla porta di Ochoa sul tentativo di Granqvist susseguente alla punizione battuta da Larsson, che manca la deviazione in rete per pochi millimetri. Poco dopo (5’) Forsberg su piazzato, impegna severamente il portiere messicano, che si salva respingendo con i pugni e a respingere sulla linea di porta. Al 12’ Granqvist servire Berg, che spalle alla porta tenta la semirovesciata mancina manda la sfera pochi centimetri dal palo.

La prima vera chance messicana arriva al minuto 17 su palla persa da Claesson, pallone agganciato da Vela al limite dell’area, sinistro a giro che grazia la nazionale di Ekdal e compagni, i quali un minuto dopo si ripropongono con Forsberg che vanifica tutto. Al 29’ la Svezia reclama un rigore per un presunto tocco di Hernandez in area, ma il VAR non ritiene gli estremi per la concessione e l’arbitro fa proseguire, col Messico che si salva ancora al 31’sull deviazione volante di Berg a pochi passi dalla porta, che non trova la rete solo per la riflessiva risposta di Ochoa, che manda il pallone sopra la traversa con la punta delle dita. Al 47’ Berg fallisce la rete dopo un contropiede velenoso, mandando il pallone d’un soffio sull’esterno della rete.

SVEZIA AVANTI CON UN TRIS. L’undici di Andersson parte forte nella ripresa e, dopo 5’, passa Augustinsson, che è arrivato per l’assist involontario di Claesson.  Allungo sul Messico che la momento vuol dire ottavi a spese della Germania.  Poco dopo arriva il 2-0 su rigore, realizzato con una perfetta esecuzione da Granqvist, concesso per fallo di Moreno su Berg al 17’.  Osorio fa entrare Fabian, che al 21’ fa partire un gran destro, deviato in angolo, fallendo il gol che riapre la contesa.

Il Messico, che deve cercare il gol, si fa male da solo con la sfortunata autorete al 29’ di Alvarez che sul cross di Svensson, mette la palla in rete nella propria porta.

I centroamericani però non mollano e cercano la rete dell’1-3, fallendola al 36’quando il destro di Hernandez viene deviato, con Vela che di testa  non trova la porta.  Tre minuti dopo eccellente deviazione di Granqvist sul tiro di Fabian. Vince la Svezia 3-0 ma agli ottavi passa anche il Messico, per la clamorosa sconfitta 2-0 della Germania con la Corea del Sud.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Russia 2018