Resta in contatto

Calciomercato

Il punto sul mercato in uscita: attacco da sfoltire, tante le cessioni “illustri”

Tanti i nomi in entrata, altrettanti quelli in uscita: ecco chi è pronto a fare la valigie in casa Cagliari.

IL TACCUINO DI CARLI. C’è chi viene e c’è chi va. E per un Darijo Srna, sicuramente, un Castro, molto probabilmente, e i vari Tonelli, Ekdal, Nico Gonzalez – forse – che compongono il mercato in entrata, ecco altrettanti nomi che la società rossoblù è disposta a lasciar andare. L’unico sovraffollamento è in attacco, dove anche la sola operazione Gonzalez porterebbe il reparto a otto elementi (più Joao Pedro). Ma c’è da sfoltire, in termini di qualità e età della rosa, anche la difesa e il centrocampo.

VIA IL CAPITANO. In tanti, come analizza L’Unione Sarda, potrebbero fare le valigie quest’estate. Prendere un traghetto o un aereo e lasciare la Sardegna. Per Daniele Dessena, ad esempio, dopo 8 stagioni, 193 presenze e 10 gol a Cagliari, potrebbe essere terminata l’avventura in rossoblù: troppi gli acciacchi fisici, tanto che non basta l’affetto e l’amore per la maglia del Capitano erede di Daniele Conti dal 2010. Destinazioni possibili sono Perugia e Brescia, dove lo attenderebbe Cellino, presidente che lo ha portato in Sardegna.

TROPPI IN ATTACCO. Per sfoltire l’attacco il primo nome è quello di Giannetti, che con sei mesi di ritardo lascerà certamente Cagliari dopo la trattativa sfumata a gennaio che doveva portarlo alla Virtus Entella. Ma sono soprattutto Sau e Farias i nomi intorno a cui il Cagliari cercherà di fare mercato. Il primo è ormai avanti con l’età (30 anni) e ha già tanti infortuni alle spalle. Ma il vice-capitano rossoblù ha esperienza da vendere e negli ultimi anni ha saputo giocare come attaccante di raccordo per la squadra. Sarà un addio doloroso per il bomber di Tonara, ma l’Empoli e lo stesso Brescia sono pronte a fare un tentativo. Per il brasiliano invece la causa scatenante è il rapporto ormai logoro con l’ambiente: i tifosi ancor prima che la società non hanno digerito una stagione troppo inconcludente, con decine di occasioni sprecate e (parlano i numeri) un solo gol, di fondoschiena sul rinvio sbagliato di Viviano. Per il mago di Sorocaba, apprezzato comunque per la sua tecnica e rapidità. si parla di un interessamento di Sassuolo, Atalanta, Fiorentina e Chievo.

NODO REGISTA. Cessioni illustri, ma prevedibili, si accompagnano ad altre più “scottanti”. Ne è un esempio quella di Luca Cigarini, arrivato nell’isola dodici mesi fa e già pronto a lasciare il club rossoblù. Il Parma si è già fatto avanti e – qualora dovesse essere confermata la promozione in A – potrebbe essere seriamente intenzionato a riportarlo in Emilia. Il Cagliari correrebbe ai ripari con Sandro (o Locatelli), per sopperire all’addio di un regista che nella sua prima stagione in Sardegna ha fatto molto bene solo da gennaio in poi. Quando è stato in campo ha cambiato volto alla squadra, anche se spesso è rimasto fuori per infortuni o squalifiche (tantissimi i gialli e un rosso che gli è valso due giornate per bestemmie).

DIFESA. Un altro che ha deluso e che non rimarrà in Sardegna è Marco Andreolli. Arrivato come erede di Bruno Alves, doveva portare esperienza al servizio del club, ma le sue troppe amnesia difensive – accumulate in 22 gare giocate – non gli hanno garantito la riconferma. Il Chievo, squadra in cui ha espresso il miglior rendimento in carriera, lo rivorrebbe a Verona al posto di Dainelli. Per questo l’ex Inter potrebbe essere inserito nell’operazione Castro.

SENZA PASSARE DAL VIA. Melchiorri e Pajac potrebbero essere solo di passaggio in Sardegna. Non riscattati dal proprio club nonostante la buona annata – rispettivamente Carpi e Perugia – troveranno di sicuro un offerente, tanto che per l’attaccante di Macerata si parla già di Lecce e di un tentativo dello stesso Carpi. Discorso simile per Capuano, che dopo la retrocessione col Crotone, dove era in prestito, potrebbe presto dire addio definitivamente al rossoblù.

IN PRESTITO. Due giovani che quasi sicuramente lasceranno Cagliari, ma solo per una stagione, sono Ceter e Caligara. Per loro, arrivati nel mercato di gennaio come investimenti per il futuro, si prospetta un anno di gavetta con un prestito in B. Per il centrocampista è già stata intavolata una trattativa col Pescara.

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Calciomercato