Resta in contatto

News

Ceppitelli: “Io, Ministro della Difesa”

Un reparto che ha avuto bisogno di tempo. Inizialmente con Rastelli, poi con López, che appena arrivato ne ha rivoluzionato disposizione (a tre) e uomini (arretrando Androlli nelle gerarchie e puntando forte su Romagna).

La difesa del Cagliari, dopo un po’ di rodaggio, sembra ora essere pronta per fare la differenza, come analizza il Corriere dello Sport.

E Luca Ceppitelli, intervistato dal quotidiano romano, ne dovrà essere il leader: “Ormai quello del Ministro della Difesa è diventato un gioco. È un soprannome carino, mi piace e me lo tengo, anche se un po’ mi riempie di responsabilità. Va chiarito però che tra difensori comandiamo tutti: il nostro è un lavoro di squadra“.

Una stagione cominciata con quale difficoltà:È stata dura all’inizio e quello forse è stato il momento peggiore della stagione, perché non giocavo. Ma è stato uno stimolo per lavorare di più e far cambiare idea al tecnico“.

Con qualche gioia: “Il momento migliore? Il gol al Verona, perché è stata la mia prima rete in Serie A. È stato un po’ fortunoso, ma mi ha dato una gioia immensa“.

Sui gol: “Una rete ‘vera’? Spero presto. Sogno un gol di testa, più bello di quello che ho fatto. Segnare è una bella sensazione e una grande soddisfazione personale“.

Sul prossimo avversario, la Spal:Loro hanno tanti ottimi giocatori in avanti, dovremo prestare massima attenzione. Se Borriello ci sarà, sarà un piacere rivederlo. Qui si è comportato bene con tutti e non dimentichiamo che è stato importante per la squadra. Contro la Spal ci aspetta un altro scontro salvezza, il primo in casa di questo ciclo, e non possiamo fallire. In questo momento è fondamentale per quello che ci potrebbe dare in chiave salvezza”.

Sull’ultima battaglia di Crotone:Domenica siamo stati bravi nonostante fossimo in dieci da metà partita. Soddisfatto per non aver subito gol su azione, ma avrei preferito non prenderne nemmeno dal dischetto. Negli scontri diretti è fondamentale far punti e quindi serve la mentalità battagliera“.

Sul Var:La mia opinione è positiva, lo strumento può essere buono. Certo ci si deve ancora lavorare; siamo ancora al primo anno e deve fare il suo periodo di rodaggio anche per gli arbitri. Più che altro la difficoltà sta nel dover aspettare le decisioni sul campo perché devi essere bravo a reggere sotto il profilo mentale senza perdere la concentrazione“.

La partita da rigiocare:Juventus, Milan o Inter. Nonostante non siamo riusciti a portare a casa punti abbiamo fatto una grande prestazione. Ma soprattutto vorrei rigiocare gli scontri diretti in casa contro Sassuolo e Chievo. In ogni caso c’è tutto il girone di ritorno per riscattarci“.

Sui tifosi:Uno dei motivi del rammarico per aver perso queste partite è proprio non aver ripagato il grande calore che ci danno. Per questo dobbiamo sfruttare il loro apporto per vincere le partite. ‘Usandoli’ a nostro vantaggio“.

L’attaccante più difficile da marcare:I soliti: Higuain e Dybala… E Icardi, il più insidioso. Ha il suo modo di giocare: sembra sempre in sordina ma in area è un pericolo costante. Basta che tu gli conceda un metro e lui ti fa due gol“.

Sul nuovo arrivato Castán:Gli ruberei il carattere forte che ha. Mi ha colpito. È un giocatore di esperienza e per noi rappresenta un valore aggiunto“.

 

 

 

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "ma lassa perdi Agostini.... per chiudere il cerchio Zeman, Zeman il primo anno di gestione e disgrazie, Zeman per l'ultimo anno ( si spera..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News