Resta in contatto

Approfondimenti

Una squadra grintosa, che giochi per la maglia

Voglio una squadra più grintosa, che giochi per la maglia“. Si è presentato con queste parole l’allenatore rossoblù Diego Lopez, di ritorno sulla panchina del Cagliari.

Un ritorno, già, perché El Jefe è stato gladiatore di mille battaglie con questa maglia. Una maglia sudata, onorata, indossata anche con la fascia di capitano al braccio, per tre anni – dal 2007 al 2010 – prima di cederla a un’altra bandiera, Daniele Conti.

Per questo ciò che conta stasera non sarà tanto la velocità nella circolazione di palla, che pure Lopez ha provato a migliorare in cinque giorni di allenamenti ad Asseminello. Non sarà il modulo di gioco, 4-3-1-2 o 4-4-1-1 o 3-5-2. E non sarà nemmeno la possibile esclusione di titolarissimi come Pavoletti, Cigarini o Pisacane, che rimane comunque tutta da valutare. Oggi per Lopez conta solo giocare per la maglia. E sudarla, “per i tifosi, che fanno mille sacrifici per essere con noi“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti