Resta in contatto

Approfondimenti

È un Cagliari ancora troppo sperimentale: adattato e in cerca di leader

Il rigore all’incrocio dei pali di Andrea Cossu alla fine ha permesso al Cagliari di portare a casa vittoria e qualificazione al prossimo turno di Coppa Italia. Ma quello visto contro il Palermo è stato un Cagliari ancora molto, forse troppo sperimentale sia tatticamente che psicologicamente, se teniamo conto che si trattava di una gara ufficiale.

Mettendo da parte Cragno, Pisacane e Borriello, assolute certezze almeno in quanto a titolarità fin dall’inizio del precampionato, si nota come il Cagliari contro la compagine siciliana abbia schierato una formazione caratterizzata da adattamenti e novità e la prestazione offerta all’Olimipico di Torino non è stata che la naturale conseguenza di questa impostazione tattica.

Partendo dalla difesa che, tra Faragò (suo il grave errore che ha causato il pareggio rosanero) e Capuano, vede come terzini due adattati: rispettivamente un centrocampista e un centrale. Considerando che le riserve sono Padoin (un altro adattato) e Miangue (che nelle amichevoli estive non ha affatto convinto), forse si tratta di un rischio troppo grande a soli quattro giorni dall’inizio della Serie A. Andreolli, pur giocando nel suo ruolo naturale, è ancora alle prime uscite in rossoblù e necessita di qualche tempo per rodare gli insegnamenti tattici di Rastelli e per inserirsi a pieno nell’ambiente.

Centrocampo tutto nuovo e tutto vecchio. Cigarini ha ormai preso in mano le chiavi del centrocampo rossoblù e si appresta a una stagione da protagonista in cabina di regia. Peccato solo che debba recuperare ancora continuità dopo sole 7 presenze in blucerchiato nella stagione scorsa. Discorso simile per Ionita, reduce da una stagione difficile e tormentata da vari infortuni, anche se il moldavo nel precampionato sta facendo intravedere una buona condizione fisica, ottimi colpi e un’eccezionale disciplina tattica. Lui, come Barella e Joao Pedro, conoscono già Rastelli e sanno cosa vuol dire indossare la maglia rossoblù. Il loro, tuttavia, dovrà essere piuttosto un adattamento verso il ruolo di leader che aspetta tutti e tre nella stagione che si appresta a iniziare.

Farias allo stesso modo dovrà migliorare in continuità di rendimento, specie se Sau e Joao Pedro dovessero per condizioni fisiche, infortuni o squalifiche, cedergli spesso il posto di attaccante o trequartista, rendendo così il brasiliano una sorta di dodicesimo uomo.

Rastelli dovrà essere bravo a correggere sul campo (o a far correggere sul mercato) le mancanze tattiche della rosa, ma anche a dare ai giocatori una mentalità unica e vincente, pena lo scotto che il Cagliari potrebbe dover pagare all’esordio in campionato, viste anche le prime avversarie…

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Tridente Joao-Keita-Pavoletti, può essere la soluzione della svolta?

Ultimo commento: "Con un centrocampo come qll del Cagliari che non riesce a tenere palla neanche un secondo ma soprattutto con fisicità pari a zero....3 attaccanti con..."

(SONDAGGIO) Mazzarri sotto esame, da che parte state?

Ultimo commento: "Secondo me Mazzarri. Porterà a gennaio ex suoi giocatori del Torino con cui ha rischiato di retrocedere se nn fosse stato esonerato con questo ho..."

Nandez e il suo ruolo, i lettori di CalcioCasteddu stanno con Mazzarri

Ultimo commento: "Magari ,chiunque sia farebbe meglio."

Il nostro sondaggio premia Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu stanno col mister

Ultimo commento: "Il Cagliari è una squadra che per la rosa che ha non merita di retrocedere. ..."
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Approfondimenti