Resta in contatto

Approfondimenti

Tre motivi per dire no a Cassano

Antonio Cassano ci sta provando, vuole il Cagliari e sta usando tutte le armi a sua disposizione per ottenerlo. Ci sono però almeno tre motivi per declinare le sue avance:

1) Sia chiaro, lui non vuole tanto giocare per i rossoblù quanto tornare nel calcio che conta. Non gli interessa la città o la tifoseria, gli interessa un contratto in Serie A, uno qualsiasi. Lo ha dimostrato proponendosi a mezza Italia, ad esempio come ha fatto col Verona, parlando come se la firma fosse ormai solo una formalità, salvo poi ricevere il due di picche dai dirigenti. Certo, pensare che nel calcio si possano tenere lontani gli opportunisti sarebbe come voler entrare in una palude senza farsi pungere dalle zanzare, utopia. Quando però l’opportunismo è così conclamato forse un po’ di prurito ai tifosi lo si può risparmiare.

2) Cassano nello spogliatoio è sempre stato croce e delizia di ogni squadra in cui ha giocato. Lui è spensierato, è un ragazzo che adora scherzare con tutti e lo abbiamo visto così anche in Nazionale. Il problema è che questa effervescenza sfocia sempre nel protagonismo, diventa una prima donna a tutti gli effetti con tanto di capricci annessi. Se pensiamo alle difficoltà passate da Rastelli nel tenere unito lo spogliatoio, quanto può essere saggio infilarci una bomba a orologeria come Cassano?

3) È bellissimo pensare che Cagliari possa essere la terra delle opportunità, per molti lo è stato e lo sarà, ma non può esserlo per chi di opportunità se n’è già mangiate troppe. Le volte in cui abbiamo sentito dire a Cassano di essere maturato non si contano più. Praticamente dopo ogni cambio di casacca dovuto a chissà quale persona che a detta sua non ha mantenuto le promesse. Il copione è sempre più o meno lo stesso, ma a 35 anni nessuno è più disposto a credergli, un po’ come per quello che gridava “Al lupo! Al lupo!” nella favola di Esopo.

Questo non vuole assolutamente essere un giudizio sulla persona, ma una constatazione sulla sua carriera. La storia parla per Cassano e una partita di calcetto al Forte Village non basta per cancellarla.

18 Commenti

18
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Provatelo per un anno dateli una possibilita.. una persona puo anche migliorarsi..puo aver capito la lezione..poi noi non per offendefe ma dobbiamo essere diversi dagli altri avere pall…. per rischiare e un campione come borriello e qualcuno altro..giulini non deve perdere questa possibilita … uno con quei piuedi ci serve per far salire la squadra e dare ottimi palloni agli attaccanti,dunque che giulini ci pensi bene.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Quest anno si lotta fino all ultimo per la b. Almeno sarà un campionato più interessante

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Rastrello lo teme!!ad una gamba lo facevo arrivare!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Mi auguro che arrivi invece

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Giocatore ottimo nonostante sia fermo da oltre un anno … ma il.carattere e un pericolo .. per me non ci fa nulla nemmeno cossu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Cassano vai alla juve…….hahahaaa

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sé a San Gavino c’è ancora su scalatoju,lo manderei lì!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Io uno come Cassano me lo porterei a giocare anche a carte.
Cassano è uno stato d’animo.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Un anno e mezzo fermo.Come mai nessuno lo vuole?

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Peccato…un`occasione persa

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Mentalità isolana.
Spero che Cassano venga preso.e’ una grande opportunità in tanti aspetti per il cagliari

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Eeh !

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Forza Cassano vieni a cagliariiii

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ah Cossu è uno degli artefici della retrocessione senza aver giocato . Curiosa questa. Magari anche Conti senza giocare è responsabile della retrocessione o Pisano che fra panchine e infortuni ha fatto tre partite è un responsabile . Zeman invece ? No lui no . La colpa è di Cossu !!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Scallau.. bo

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Se vogliamo dirla tutta neanche Cossu dovrebbe giocare più col Cagliari visto che lui é uno degli artefici dell’ultima retrocessione

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Lo hanno preso per velocizzare il gioco…..

Advertisement

Giampietro Piovani

Ultimo commento: "Accidempoli, bell'articolo. Ma qualche documento da proporre a supporto no? Siamo ridotti all'osso, ma in effetti è già tanto scrivere due battute,..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Che formazione formidabile"

Guglielmo Coppola

Ultimo commento: "Ha la casa a Torre"

Gigi Riva

Ultimo commento: "https://www.google.com/search?q=0pPms02Ce2Pe3CUTsoBHxW9R - Qui le ragazze conoscono i ragazzi e non viceversa"

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "http://trim4.me/bt1 – Qui le raagazze conosscono i ragazzi e non viceversa"
Advertisement

I Miti rossoblu


Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti