Resta in contatto

Approfondimenti

Agostini chiamato per una salvezza difficile già criticato dai tifosi: ma è sempre colpa dell’allenatore?

Il tecnico di Vinci, catapultato dalla Primavera che sta facendo una grande stagione, sta cercando soluzione con i giocatori a disposizione

Alessandro Agostini ce la sta mettendo tutta, in una situazione molto difficile. Intanto, al di là dei mugugni, il suo Cagliari non è ancora retrocesso. Magari lo sarà domenica, ma ad oggi non lo è. C’è da giocare e andare a vincere a Venezia, vedendo (alla stessa ora) cosa farà la Salernitana in casa con l’Udinese. Per la gran parte delle persone non c’è più nulla da fare. Ma lo sport, e il calcio in questo caso, insegna con i suoi precedenti. L’Juventus che perse lo Scudetto all’ultima giornata (2000) a Perugia con un più 2 sulla Lazio prima del match, l’Inter, che fece lo stesso in quel famoso 5 maggio 2002, addirittura l’Empoli che cade a Palermo e retrocede col Crotone che si salva, nel 2017.

Quindi bisogna crederci. Anche perché proprio il Cagliari, pareggiando a Salerno al 99’, insegna che avere uno stadio stracolmo di tifosi, può non bastare. Ora i campani (+2) sui rossoblù, affronteranno l’Udinese e non è detto che vinceranno. Anche un pareggio, con vittoria isolana a Venezia, vorrebbe dire Serie B per i granata.  Viceversa ci andrà il Cagliari.

L’ALLENATORE. Ma c’è una situazione che, in questo momento non ci dovrebbe essere: ovvero le critiche ad Agostini, da parte dei tifosi (in larga parte da tastiera). Se il mister di Vinci schiera il 3-5-2 è la continuità con il predecessore Mazzarri, se opta per la difesa a 4, non va bene. I miracoli venivano fatti oltre 2000 anni fa da un’unica persona sulla terra. Oggi si prova a migliorare le cose. Ma, oltre alle critiche (giuste, ci mancherebbe) al presidente Giulini, prendersela con Agostini non pare sensato. Anche perché in campo ci vanno i giocatori. Per alcuni questo sembra essere solo un dettaglio. Ed invece è l’essenziale.  Ma quella di avere come capro espiatorio il tecnico di turno, a Cagliari è ormai un vizio.

Per restare all’era Giulini, non andava bene Rastelli (promozione in A al primo posto e undicesimo nella stagione successiva) figuriamoci Maran (che ad un certo punto era in piena zona Champions), Di Francesco, Semplici e ultimamente Mazzarri. L’allenatore può avere le sue colpe, ma in campo ci vanno i giocatori, spesso artefici di situazioni belle e negative. Tutti sognano di giocare in Serie A, per tanti il sogno si avvera, e allora dimostrino di meritare la stessa Serie A, perché in B e C ci sono ragazzi che questa opportunità non sempre l’avranno.

113 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
113 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti