Resta in contatto

Approfondimenti

Serie A, il punto: Cagliari, quart’ultimo posto a due punti. Ma si guarda oltre per uscire dalla zona calda

Le squadre che precedono in classifica i rossoblù dalla quattordicesima al diciassettesima piazza hanno tutte perso

Partiamo da due certezze in casa Cagliari, Tre punti e imbattibilità nelle ultime tre partite con Sassuolo, Salernitana ed Hellas Verona e zero gol subiti al Bentegodi. Ma c’è una terza: il distacco dallo Spezia dimezzato negli ultimi 180’ di gioco più recupero. Questo perché i liguri, dopo l’1-0 inflitto al Torino prossima avversaria lunedì sera alla Unipol Dumus (fermato ieri nel posticipo sul 2-2 dall’Empoli, hanno perso le successive tre partite, giocate contro Atalanta, Bologna e mercoledì Inter.

SVOLTA VICINA? Probabilmente il match contro il Torino di Juric, se vedrà un successo (sarebbe il secondo in campionato dopo quello contro la Sampdoria) potrebbe aprire ad un campionato diverso, lasciando alle spalle un avvio shock, con tanto di esonero di Semplici e arrivo in corsa tra mille difficoltà, di Mazzarri. Certamente l’incontro con i granata sarà particolare per lui. Che venne sollevato dall’incarico a seguito di un pesante 0-7 casalingo contro l’Atalanta. Conoscendo il mister di San Vincenzo nessuna rivalsa. Ma più che battere il Torino una vittoria sarebbe contro Cairo.

Tornando alla classifica il Cagliari con 9 punti, è a 2 dallo Spezia, mentre a quota 15 c’è una coppia composta da Sampdoria e Venezia, tutte sconfitte in questa quindicesima giornata andata in archivio ieri sera. Per il Cagliari l’obiettivo deve essere il raggiungimento (o almeno un avvicinamento ulteriore) della quattordicesima piazza, considerando anche le difficoltà che e lagunari potrebbero avere nelle prossime giornate. Di questo discorso, grazie al 4-4 in casa della Lazio, non ne fa parte l’Udinese che incontrerà il Cagliari tra qualche settimana

L’ALTRO CAMPIONATO. In testa quattro squadre possono giocarsi il titolo: Napoli, Milan, Inter e Atalanta. Quattro squadre in cinque punti, frutto dei risultati dello scorso turno. I campani restano primi, ma hanno lasciato due punti sul campo del Sassuolo, che si è visto annullare il 3-2 in pieno recupero per un fallo di Berardi (giusto o non lo lasciamo giudicare a chi ci sta leggendo) mentre le due milanesi e i bergamaschi non hanno lasciato scampo alle avversarie di turno Genoa, Spezia e Venezia.

Ci sono tante gare ancora da giocare, ma sia ha la sensazione che al netto di qualche crollo) i posti per la prossima fase a gironi di Champions siano già stati assegnati, col Napoli al posto della Juventus. Del discorso plusvalenze ne trattiamo e ne tratteremo in altri servizi del nostro quotidiano online, qui ci occupiamo prettamente del discorso campo. Con la squadra di Allegri che, vincendo sul campo della Salernitana, si è rimessa in marcia. Tuttavia la distanza dalla zona nobile è ampia: ben 12 dal Napoli, 11 dal Milan e 10 dall’Inter. Ma anche i sette dall’Atalanta non sono di poco conto. Certo, ci sono vari scontri diretti, ma la sensazione è quella.

Fatto il punto sul Cagliari e sulle sue principali antagoniste, resta da scrivere del resto della graduatoria. Ad iniziare dalla Fiorentina sesta, a pari punti con i bianconeri e il Bologna di Mihajlovic che, vincendo con la Roma, ha messo a segno la seconda vittoria di fila, dopo il successo ottenuto domenica sul campo dello Spezia. Posizione tranquilla per Verona, Empoli e Sassuolo, che tengono un margine di sicurezza (tra i 10 e i 9 punti) sul Genoa terzultimo che non riesce ad uscire dalla crisi neanche col cambio in panchina situazione analoga al Cagliari.

IL PROSSIMO TURNO. Terminata la giornata infrasettimanale, domani si torna in campo per la sedicesima volta in stagione. Si parte con tre anticipi: Milan-Salernitana alle 15, l’attesa Roma-Inter (la prima volta di Mourinho da ex) alle 18 e il big match tra Napoli e Atalanta alle 20.45. Tre sfide che potrebbero rimescolare la classifica ai vertici. Domenica si giocano Bologna-Fiorentina (12.30), Spezia-Sassuolo e il derby veneto Venezia-Hellas Verona alle 15, Sampdoria-Lazio alle 18 e Juventus-Genoa alle 20.45. Lunedì il programma si completa con Empoli-Udinese alle 18.30 e Cagliari-Torino alle 20.45.

TV E STREAMING. Come ogni giornata Dazn trasmette tutte e dieci le gare. Tre sono in co esclusiva anche su Sky Calcio e Now tv. Questa settimana le contese in contemporanea saranno Napoli-Atalanta (domani alle 20.45) Bologna-Fiorentina, domenica alle 12,30 e lunedì alle 20.45 Cagliari-Torino.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti