Resta in contatto

Approfondimenti

Meteore rossoblù: Nicola Ancis compie 47 anni

Il centrocampista nato a Cagliari entrò a far parte della prima squadra con Claudio Ranieri esordendo a 17 anni e 107 giorni

Nicola Ancis spegne oggi 47 candeline. Il centrocampista nato a Cagliari, entrò a far parte della prima squadra con Claudio Ranieri in panchina nel fortunato campionato cadetto 1989-90. Due volte in panchina per lui nel finale di quel torneo, contro Pisa e Messina. Nella stagione del ritorno in massima serie, il giovane arrivò a toccare il cielo con un dito al Sant’Elia in occasione dell’ultima giornata: Cagliari-Bari 1-1, con Ranieri che gli concesse il debutto all’85° minuto inserendolo al posto di Mobili, autore del gol rossoblù. Un esordio arrivato a 17 anni e 107 giorni.

ALTRE SQUADRE. Il giocatore sardo abbandonò poi l’Isola per vestire i colori di Matera, Palazzolo e Messina. Nella sua carriera anche una presenza per lui nella Nazionale Under 18.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Cugino avresti dovuto calpestare l erbetta dei grandi stadi sei stato un grande ti seguivo ai tempi della primavera e poi che emozione vederti al sant’elia all esordio con Ranieri con Mazzone poi qualcuno ha voluto che tu non andassi avanti …che rabbia dico la mia immagino la tua sei un grande Nicola Ancis

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Io ho giocato con lui a Sarroch giovanissimi arrivati in finale regionale persa poi con il Cagliari….un giocatore come pochi classe velocità e sopratutto serietà….un vero peccato non poterlo aver visto calpestare i campi di seria A ….Nicola Ancis un mito il più forte giocatore che ho avuto la fortuna di giocarci assieme .

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Sembrava borriello

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Peccato Non lo ricordo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

c’ero, contro il bari… primo pallone punta la porta e tira da fuori… si vedevano personalità e classe, in primavera era un fenomeno… peccato gli abbiano messo i bastoni fra le ruote, secondo me avrebbe fatto quel che ora è barella, anche se ancis era più tecnico

Cristian
Cristian
2 anni fa

C’ero anche io contro il Bari, il ragazzo meritava, un peccato davvero.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Non lo ricordavo assolutamente

Rocco
Rocco
3 anni fa

Grande giocatore di classe…. Seppur giovanissimo, riusciva sempre a metterla dentro.. In situazioni di pressing posteriore, si smarcava sempre velocemente. Un grande!!!

Rocco
Rocco
3 anni fa

Un vero Bomber!!! Riusciva sempre a smarcarsi velocemente dai pressing posteriori e la metteva sempre dentro….

Atlantis
Atlantis
22 giorni fa

Magari è disponibile e svincolato. Potremmo ingaggiarlo e potrebbe tornare utile

cosedapazzi
cosedapazzi
21 giorni fa
Reply to  Atlantis

Se è anche infortunato sarebbe perfetto…

Brigata Quagliozzi
Brigata Quagliozzi
21 giorni fa

Brava redazione.Bello ricordare anche i meno fortunati

Anonimo
Anonimo
21 giorni fa

Ho avuto la fortuna di conoscerlo alle scuole medie..già all’epoca era un fenomeno..il più forte della scuola..e non solo nel calcio..in qualsiasi disciplina sportiva..era un ragazzo umile e sempre di buon umore e sono sicuro che dopo anni sia rimasto tale. Auguri Nicola

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Approfondimenti